CONFLITTI

Abruzzo/ Governo impugna delibera sui dragaggi. Wwf: «avevamo ragione noi»

«La regione vuole una deregulation totale sullo scarico a mare»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3429

Abruzzo/ Governo impugna delibera sui dragaggi. Wwf: «avevamo ragione noi»







ABRUZZO. Il Governo ieri ha impugnato davanti alla Corte Costituzionale una recente delibera regionale attinente i dragaggi.
Il Wwf aveva inviato al Ministero dell’Ambiente una nota in cui si chiedeva un immediato intervento (e alla Giunta Regionale di ritirare il provvedimento) perché si trattava di una vera e propria deregulation sullo scarico di materiale dragato a mare, in violazione non solo di norme nazionali ma addirittura di diverse Convenzioni Internazionali poste a tutela dell’ambiente marino.
In particolare la Giunta Regionale ha stabilito che fino a 25.000 metri cubi ci possa essere praticamente una totale assenza di regole, con una mera comunicazione sull’immissione in mare del materiale. Inoltre, per come è stata formulata la delibera, sarebbe possibile spezzettare progetti di dragaggio di enorme portata in tanti piccoli interventi da 25000 mc in modo tale da aggirare le precise norme imposte appunto dalle convenzioni internazionali.


«Lo scarico a mare di materiale dragato», ricorda Augusto De Sanctis, referente acque del Wwf, «deve essere considerata come l’extrema ratio e deve avvenire in presenza di rigide procedure volte a tutelare il delicato ambiente marino, visto che l’immersione in mare di materiale può produrre enormi perturbazioni sia per quanto riguarda la qualità delle acque (basti pensare che il materiale in sospensione può viaggiare con le correnti per decine di chilometri) sia per quello che riguarda il substrato che può venir ricoperto “soffocando” tutta la comunità di organismi che lo popola».
Vi è poi da considerare la problematica delle caratteristiche chimiche e granulometriche del materiale, che deve essere per legge sottoposto ad indagini approfondite.
L’associazione ritiene che le “scorciatoie” introdotte dalla Delibera di Giunta Regionale siano solo «espedienti populistici che alla fine aggravano i problemi dei dragaggi e non li risolvono».
Per questo gli ambientalisti rinnovano l’appello alla Giunta di ritirare la Delibera e di regolamentare in maniera corretta il settore.