LA REGIONE CHE FRANA

Abruzzo/ Frane, alluvioni ed erosione delle coste: 272 comuni a rischio

Solo 33 possono considerarsi sicuri

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2122

Abruzzo/ Frane, alluvioni ed erosione delle coste: 272 comuni a rischio







ABRUZZO. Il rischio di frana, alluvioni ed erosione delle coste coinvolge oggi almeno 8500 chilometri quadrati di superficie regionale e 272 comuni, tra quelli considerati maggiormente sensibili.
Lo ha detto l'assessore ai Lavori pubblici, Angelo Di Paolo nel corso di un incontro di preconcertazione con sindaci e rappresentanti della Provincia convocato prima dell'aggiornamento del Piano Stralcio di Bacino per l'Assetto Idrogeologico (PAI) – Fenomeni Gravitativi e Processi Erosivi.
Una fase che interesserà anche le altre tre province abruzzesi al fine di rendere più efficace l'attività informativa. Nelle conferenze programmatiche i portatori di interesse possono produrre, entro 60 giorni, osservazioni ai nuovi elaborati di Piano.
Oggi la preconcertazione si terrà a Chieti, alle 10, nella Sala Conferenze del Politecnico Provinciale mentre mercoledì a Teramo, con inizio alle 10, nella Sala Polifunzionale della Provincia. Il 2 luglio sarà la volta di Pescara nella Sala Tinizzo in Piazza Italia 1.
Ieri, all'Aquila, nella sede del consiglio provinciale, il segretario generale dell'Autorità dei Bacini regionali e del bacino interregionale del Fiume Sangro, Michele Colistro e i tecnici della Segreteria Tecnica Operativa hanno incontrato sindaci e rappresentanti della Provincia a cui è stata consegnata la documentazione, su supporto digitale, redatta nell'ambito della Variante per avviare una fase di condivisione dei nuovi elaborati cartografici e delle modifiche normative proposte rispetto alle Norme di Attuazione del vigente PAI.
Il Piano è uno strumento necessario stante l'importanza che riveste nella pianificazione territoriale.
«Il problema della difesa del suolo in Abruzzo riveste particolare rilievo - ha aggiunto l'assessore ai Lavori pubblici Angelo Di Paolo - viste le caratteristiche morfologiche del territorio a rischio idrogeologico. Bisognerà poi fare i conti con le risorse a disposizione che si potranno utilizzare nei tratti di maggiore criticità per interventi indispensabili per il ripascimento di alcuni zone del litorale e per la salvaguardia di territori più esposti»