PETROLIO A CASA NOSTRA

Abruzzo/Trivelle, Vacca (M5S): «da lunedì possibile bloccare Ombrina»

«Necessario accordo tra tutti i partiti»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3572

Gianluca Vacca

Gianluca Vacca




ABRUZZO. In Parlamento a partire da lunedì ci sarà la possibilità di bloccare 'Ombrina Mare' perché passerà un decreto relativo alle emergenze ambientali.
Lo annuncia il deputato abruzzese Gianluca Vacca (M5S), a proposito della realizzazione di una piattaforma petrolifera a largo delle coste abruzzesi, auspicando «la convergenza di tutte le forze politiche».
«Il decreto è finalizzato a bloccare opere ed interventi che rappresentano emergenze ambientali - spiega Vacca - e gli emendamenti relativi ad Ombrina Mare sono in fase di elaborazione. C'é però da dire che non stiamo riscontrando volontà da parte degli altri partiti politici».
Il Movimento chiede «a tutte le forze politiche, che in campagna elettorale si sono impegnate a presentare progetti di legge vari, di impegnarsi per bloccare progetti come Ombrina e tutti gli altri simili in corso in Italia. Le promesse elettorali si trasformino in fatti concreti. Il mio invito - conclude Vacca - é rivolto soprattutto a Legnini che da sottosegretario potrebbe farlo in tempi brevissimi». Intanto nei prossimi giorni Maria Rita D’Orsogna girerà l’Abruzzo, e non solo, per conferenze, dibattiti e incontri pubblici sugli effetti dell’industria degli idrocarburi.

Domani sarà a San Vito Chietino (insieme al deputato Vacca) alla sala polivalente madonna del Porto (ore 18), domenica, sempre a San Vito a Zona 22 alle ore 19. Lunedì serà, invece, sarà allo Chalet Sayonara, lungomare Sirenza, 22 (ore 20).
Nei giorni scorsi il Wwf ha inviato una diffida al Ministero dell’Ambiente affinchè ritiri il giudizio positivo di compatibilità. Ma fino a questo momento nulla è cambiato. Intanto anche la Regione starebbe studiando un modo per bloccare il progetto ma di sicuro non potrà scegliere la strada della moratoria.
Anche il sottosegretario Giovanni Legnini (Pd) si augura che «il decreto sulle emergenze ambientali possa essere uno strumento per bloccare il progetto 'Ombrina mare'».
Lo ha detto ieri ricordando come il Pd ci abbia provato in Senato, «purtroppo non con un esito fruttuoso per ragioni procedurali. Ci riproveremo alla Camera; siamo molto impegnati su quel fronte».
Rispondendo al deputato Gianluca Vacca (M5s), Legnini si è detto «assolutamente vicino a questa istanza. Me ne sto occupando - ha aggiunto - il progetto per il momento è stato sospeso dal Ministero dell'Ambiente su mia precisa richiesta. Lavoriamo insieme - ha concluso - accolgo l'invito ad una convergenza».