RAPPRESENTANTI

Parlamentari d’Abruzzo e presenze: i neo eletti stakanovisti dell’aula

I più assenti Legnini e il neo ministro Quagliariello

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

17292

Parlamentari d’Abruzzo e presenze: i neo eletti stakanovisti dell’aula



ABRUZZO. Dopo 80 giorni di lavoro come procedono le presenze (e le assenze) dei parlamentari eletti in Abruzzo?
Un dato è più che evidente: i neo eletti sono veri stakanovisti dell’aula: pochissime assenze.
I dati sulle presenze, elaborati da Openpolis, si riferiscono alle votazioni elettroniche che si svolgono nell'Assemblea di Camera e Senato dall'inizio della legislatura. Le presenze dunque non si riferiscono a tutte le possibili attività parlamentari (lavori preparatori nelle Commissioni) ma solo al totale delle presenze nelle votazioni elettroniche in Aula.

I DEPUTATI
100% di presenze (72 sedute su 72) per Antonio Castricone (Pd), Andrea Colletti (Movimento 5 Stelle), Vittoria D’Incecco (Pd), Daniele Del Grosso (M5S), Itzhak Yoram Gutgel (Pd), Gianni Melilla (Sel), Paolo Tancredi (Pdl). Giulio Sottanelli, deputato di Scelta Civica si ferma al 98,6% (assente una sola volta), così come Maria Amato (Pd).
Gianluca Vacca del Movimento 5 Stelle all’ 80,5% (58 presenze su 72), mentre Fabrizio Di Stefano (Pdl) al 77,7% (56 presenze su 72).
Maglia nera per gli ex senatori, oggi deputati, Filippo Piccone del Pdl (52,7% con 38 presenze su 72) e Giovanni Legnini, neo sottosegretario all’Editoria (51,3% di presenze). Quest’ultimo ha partecipato ad appena 37 votazioni su 72 anche se in altre 10 occasioni risulta ufficialmente in ‘missione’.

SENATORI
Tra i senatori il più assente è il neo ministro Gaetano Quagliariello: presente alle votazioni appena 4 volte su 17 (altre 6 risulta ‘in missione’). Il vastese Gianluca Castaldi del Movimento 5 Stelle arriva invece al 64,7% di presenze (11 su 17). La collega Blundo (M5S) si attesta all’88,2%.
Hanno saltato una sola votazione Stefania Pezzopane (Pd), Paola Pelino (Pdl) e Antonio Razzi (Pdl) tutti e tre al 94,2% di presenze. Nessuna assenza invece per Federica Chiavaroli (Pdl) che risulta quindi la più presente in aula di tutti i senatori abruzzesi.

E DURANTE IL GOVERNO MONTI?
Dati interessanti emergono anche dal dossier Camere aperte 2013 che analizza il lavoro dei parlamentari durante il governo Berlusconi e quello tecnico guidato da Mario Monti.
Non mancano sorprese tra gli abruzzesi. Franco Marini, ad esempio (oggi fuori dal Parlamento) si piazza al quarto posto tra i senatori d’opposizione che con i suoi voti e le assenze ha salvato il governo Berlusconi.
Il napoletano Giampiero Catone, eletto nella scorsa legislatura nella circoscrizione Abruzzo, è invece al settimo posto tra i deputati che con il proprio voto o le assenze ha determinato una ‘maggioranza battuta’. Tra i deputati che hanno sostenuto maggiormente il governo Monti in 99 voti finali alla camera c’è invece Vittoria D’Incecco del Pd (al nono posto con il 98,9% dei voti a favore). Tra quelli che hanno sostenuto meno il professore, invece, ci sono Giampiero Catone (appena il 10% delle volte), Filippo Piccone (al quarto posto con l’8,4%), Luigi Lusi (32.5%).
Tra i 10 parlamentari più presenti compare solo un nome: Andrea Pastore del Popolo delle Libertà (che alle scorse elezioni ha rinunciato alla candidatura) con una percentuale altissima: 98,8%.
Anche tra i più assenti c’è solo un nome: quello di Franco Marini con il 44.7%.
Uno solo il parlamentare inserito nella classifica dei super ‘produttivi’ (10 alla Camera e 10 al Senato): è Giovanni Legnini (nono posto).
Tra i deputati Al 24° posto si piazza poi Augusto Di Stanislao, al 59° Livia Turco (eletta nella circoscrizione Abruzzo) e al 78° Paola Pelino. Tra i senatori, invece, dopo Legnini spiccano Pastore (al 24°) e Paolo Tancredi (al 27°).
Un altro abruzzese compare anche nella lista dei meno produttivi: Filippo Piccone.

ORE 15.10 -VACCA: «MALATO DUE GIORNI»
Il deputato Vacca dopo aver letto l’articolo di PrimaDaNoi.it che ha rielaborato i dati di Open Polis spiega le ragioni delle sue assenze in questi primi 80 giorni di lavoro: «per correttezza e trasparenza, preciso che il mio 20% di assenze si riferisce esclusivamente alle votazioni dei due giorni della scorsa settimana nei quali sono stato malato (28 e 29 maggio), per i quali ho prodotto regolare certificato medico e che quindi risulteranno assenze giustificate».
ORE 15.10 -VACCA: «MALATO DUE GIORNI»

Il deputato Vacca dopo aver letto l’articolo di PrimaDaNoi.it che ha rielaborato i dati di Open Polis spiega le ragioni delle sue assenze in questi primi 80 giorni di lavoro: «per correttezza e trasparenza, preciso che il mio 20% di assenze si riferisce esclusivamente alle votazioni dei due giorni della scorsa settimana nei quali sono stato malato (28 e 29 maggio), per i quali ho prodotto regolare certificato medico e che quindi risulteranno assenze giustificate».

Alessandra Lotti