SENATORE ASOCIAL

Abruzzo/ Razzi scappa da Facebook: «violato account, video mio con una donnina»

L’addio del senatore del Popolo delle Libertà

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

7632

Abruzzo/ Razzi scappa da Facebook: «violato account, video mio con una donnina»

 

 

 



ABRUZZO. Dopo Enrico Mentana che chiude l’account Twitter, il senatore abruzzese del Pdl, Antonio Razzi scappa da Facebook.
Lo ha annunciato lui questa mattina dopo che nei giorni scorsi era stato vittima di un link bufala che promette di mostrare un video per adulti di una ragazza nella propria camera.
«Video shock», recita il link condiviso dal Segretario della commissione Esteri (che nei mesi scorsi ha provato la mediazione tra Corea del Nord e del sud), «guarda cosa combina questa ragazza in camera da letto. Assurdo».

Di link di questo tipo sui social network ce ne sono ogni giorno di più: chi clicca in realtà vede ben poco e qualche volta rischia anche di prendere un virus. Altre volte il link con il messaggio hot viene condiviso anche sul proprio profilo, ben in vista a tutti gli amici. E questo è quello che è accaduto a Razzi che è stato criticato dai suoi ‘amici’ virtuali.
Stamattina dunque la decisione di staccare la spina: «Sono stato oggetto», scrive il parlamentare del Pdl, «di un messaggio Facebook compreso di video che mi vorrebbe insieme ad una donnina».


Addirittura Razzi fa uno scatto in avanti rispetto alla colpa che da più parte gli addebitano (guardare –o almeno tentare di farlo- video hot). Sostiene infatti che quel video lo ritragga insieme alla donna.
«La mia pagina Facebook», va avanti, «è stata creata al solo scopo di ricevere gli amici a me vicini e per avere un contatto diretto con la gente. Attraverso questo sistema», va avanti, «ho creduto di accedere più facilmente alle richieste ed ai suggerimenti provenienti dalla società civile in ragione del fatto che sono un senatore della Repubblica. Purtroppo, il sistema è facilmente violabile come dimostra quel famoso video calunnioso di cui facevo accenno. Per questi motivi, onde evitare che in futuro si verifichino episodi analoghi sono costretto ad eliminare il mio profilo facebook dalla rete. Colgo l'occasione di salutare tutti quanti vi hanno partecipato».

Dunque l’addio, nonostante gli amici gli stiano chiedendo di ripensarci. Sul proprio profilo il parlamentare condivideva frasi sagge («La cultura è il perseguimento della perfezione totale, attraverso la conoscenza di quanto di meglio si è detto e pensato nel mondo su tutte le questioni che più ci interessano») e foto con i suoi idoli, da Berlusconi ad Antonio Conte, allenatore della Juventus.

a.l.