CRISI ADDIO?

Lavoro? L’Abruzzo prima regione per incremento occupazione degli under 35

Pescara la prima provincia in Italia

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2612

Lavoro? L’Abruzzo prima regione per incremento occupazione degli under 35



ABRUZZO. L'Abruzzo, con un incremento dell'1,5%, nel 2012 è la prima regione per variazione positiva degli occupati under 35 e Pescara, con crescita 3,5%, è la prima provincia a livello nazionale.
La media italiana è -4,4% e l'unica regione a far registrare, con l'Abruzzo, segno positivo è la Campania (+0,2%). E' quanto emerge da un rapporto del Centro studi di Confartigianato Abruzzo. A livello territoriale, dopo Pescara ci sono l'Aquilano (+2,6%), il Teramano (+1%) e il Chietino (-1,2%), unica provincia questa che presenta un saldo negativo. In un'ottica di lungo periodo, tra il 2008, anno di picco dell'occupazione nazionale, e il 2012 la flessione media degli occupati under 35 é -13,7%; si tratta della dinamica negativa meno intensa d'Italia dopo la Provincia Autonoma di Bolzano (-4,1%).
La regione, inoltre, si classifica al 16/o posto della graduatoria nazionale per quanto riguarda i cosiddetti "Neet" (acronimo di 'Not in education, employment or training'), ovvero i giovani tra i 15 e i 29 anni che non lavorano e non studiano, i quali sono il 17,6% del totale. Sono, infine, 61mila, cioé il 23,7% del totale, i giovani tra i 18 e i 34 anni, non sposati, che continuano a vivere con i genitori, nonostante siano occupati. Il direttore di Confartigianato Abruzzo, Daniele Giangiulli, sebbene i dati sull'occupazione complessivamente siano ancora negativi, parla di «significativi segnali positivi e di ripresa» ed esprime un plauso alla Regione e all'assessore al Lavoro, Paolo Gatti, i quali «tra bandi, progetti e risorse comunitarie, sono stati in grado di invertire la rotta».