DIRITTI E LIBERTA'

‘Dialoghi sulla Costituzione italiana’, iniziativa Anpi e M5S

Si comincia domenica prossima con il primo incontro

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1228

‘Dialoghi sulla Costituzione italiana’, iniziativa Anpi e M5S




PESCARA. Analizzare i valori ed il senso della Costituzione italiana, in relazione allo stato di salute della Democrazia del Paese, creando un confronto dinamico che si trasformi in un vero e proprio dialogo con i cittadini.
Ha questi obiettivi l’iniziativa “Dialoghi sulla Costituzione italiana” che, promossa dall’Anpi Pescara e dal Movimento 5 Stelle, prenderà il via domenica con il primo incontro che si svolgerà, alle 18, all’Auditorium Castellammare di Pescara.

“Dialoghi sulla Costituzione italiana” è una jam sessione con quattro incontri a più voci sui diritti degli italiani; un percorso di formazione e di analisi sulla storia politica e sociale del nostro Paese. L’iniziativa è stata presentata ieri nel corso di una conferenza stampa in Comune a Pescara. Presenti, tra gli altri, il presidente dell’Anpi Pescara, Enzo Fimiani, Massimiliano Di Pillo e Massimo Melizzi per il Movimento 5 Stelle, l’ex capo procuratore di Pescara, Nicola Trifuoggi, e il docente Lucio Scenna, questi ultimi relatori nell’ambito degli incontri.

Il primo incontro, dal titolo “Io ho il diritto”, avrà al centro gli articoli 2 e 3 della Costituzione. Nel corso dell’appuntamento verrà proposta una riflessione sui diritti intesi come pilastri della crescita democratica di un Paese, sulla difesa dei diritti conquistati e sulla necessità di esigere che essi vengano rispettati. Gli altri incontri saranno invece dedicati a “Lavoro, società e libertà” (articoli 1, 4, 41), “Un’idea, un concetto, un’idea, ma libertà è partecipazione” (articoli 49, 67, 68; disposizione XII) e “E’ la stampa bellezza” (articoli 21 e 9). Oltre a Fimiani, Trifuoggi e Scenna i relatori saranno Oscar Buonamano, Valerio Speziale e Alessandra Genco.

«Si tratta di un’iniziativa nuova per Pescara – ha affermato Fimiani – con l’Anpi che viene riconosciuto come soggetto formativo. In questo modo abbiamo ideato un qualcosa che mancava sul territorio, con l’obiettivo di creare un luogo di confronto pubblico su vari temi. Sarà un vero e proprio dialogo con i cittadini – ha aggiunto il presidente -; cercheremo di discutere con loro sul patto civile che è alla base della società, analizzando i limiti della nostra democrazia».

«L’Anpi, essendo un riferimento ed un punto fermo per quanto riguarda i valori della Costituzione e della democrazia – hanno sottolineato Di Pillo e Melizzi del Movimento 5 Stelle – è il compagno migliore per portare avanti un’iniziativa di questo tipo, che ha come obiettivo quello di creare un confronto con i cittadini. Gli articoli e i temi di cui si discuterà sono attualissimi; noi ne parleremo in modo semplice e costruttivo».
«Ho accettato volentieri di partecipare – ha commentato Trifuoggi – perché da sempre parlo di Costituzione nelle scuole ed era opportuno iniziare a farlo anche di fronte ad un pubblico più adulto, sperando di riuscire a spiegare perché i Padri Costituenti hanno usato delle parole piuttosto che delle altre».
«E’ importante che il Movimento 5 Stelle riconosca l’Anpi come il soggetto di formazione politica e culturale più autorevole che ci sia sul territorio – ha affermato Scenna -. Questa è una conferma del lavoro svolto fino ad ora».