POLITICA

Elezione capo dello Stato. Martedì l’Abruzzo vota i “grandi elettori”

Ecco chi sono stati i delegati scelti dal 1971 al 2006

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1909

Elezione capo dello Stato. Martedì l’Abruzzo vota i “grandi elettori”




ABRUZZO.  All’ordine del giorno della seduta del Consiglio regionale di martedì 9 aprile, al primo punto,  c’è la designazione dei delegati della Regione Abruzzo per l’elezione del Presidente della Repubblica (art. 83, secondo comma, della Costituzione).
Infatti,  è stata fissata ufficialmente la data della prima seduta per l’elezione del nuovo capo dello Stato, che potrà aver luogo già a partire dal 18 aprile. La Presidente della Camera, Laura Boldrini, lunedì 15, provvederà alla convocazione del Parlamento in seduta congiunta, integrata dai delegati regionali. 
All'elezione partecipano tre delegati per ogni Regione eletti dal Consiglio regionale,  in modo che sia assicurata la rappresentanza delle minoranze. Vediamo ora -  dall’istituzioni delle Regioni, avvenuta nel 1970, sino al 2006, quando iniziò il settennato di Napolitano - chi sono stati i grandi elettori che hanno rappresentato l’Abruzzo per l’elezione del capo dello Stato. 


1971, Presidente Giovanni Leone: Giustino De Cecco (DC), Arnaldo Di Giovanni (PCI), Luciano Fabiani (DC).
1978, Presidente Sandro Pertini: Giuseppe D’Alonzo (PCI), Antonio Falconio (DC), Biagio Tempesta (MSI).
1985, Presidente Francesco Cossiga: Antonio Genovesi (DC), Ugo Giannunzio (PSI), Giuseppe Tagliente (MSI).
1992, Presidente Oscar Luigi Scalfaro: Gaetano Novello (DC), Mario Pennetta (DC), Bruno Viserta (PCI).
1999, Carlo Azeglio Ciampi: Mario Amicone (CCD), Gianvincenzo D’Andrea (PDS), Elda Fainella (PPI).
2006, Presidente Giorgio Napolitano: Marino Roselli (Margherita), Ottaviano Del Turco (SDI), Giovanni Pace (AN).
In base alla Costituzione, l’elezione del Presidente della Repubblica avviene a scrutinio segreto ed è necessaria la maggioranza di due terzi dell’Assemblea, dopo il terzo scrutinio è sufficiente, invece, la maggioranza assoluta.