POLITICA

Governo, Vacca (M5S) contro governo dei saggi: «smascherato il giochino di Napolitano»

«Orrenda bicamerale e larghe intese, altra occasione persa»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3490

giorgio napolitano




PESCARA. «Alla fine il giochino è stato smascherato, e Napolitano cala i suoi assi».
Così sul suo, blog il deputato M5S pescarese Gianluca Vacca. Vacca spiega che il presidente della Repubblica: «da una parte mantiene in vita il governo Monti (limitato ovviamente agli affari correnti), riaffermando la centralità della vita politica del Parlamento (siamo ancora in una Repubblica Parlamentare, o no?), l'unico attualmente legittimato a prendere iniziative legislative; dall'altra però crea una sorta di governino ombra, una orrenda bicamerale del Presidente figlio della peggiore politica, quella che il Movimento 5 stelle vorrebbe definitivamente mettere in soffitta, con il chiaro intento di provare a formare, anche nel prossimo settennato, un governo di larghe intese che escluda il Movimento 5 stelle. Ennesima occasione persa». E quindi «E' questo il motivo per cui noi siamo una forza rivoluzionaria, non riformista: il nostro obiettivo è mandarli a casa tutti, non fare qualche riforma insieme permettendogli di rimanere a galla. E' un obiettivo che non si ottiene in due settimane, ma in mesi, anni. Gli stessi che ci vogliono per ricostruire il nostro paese».
Ma per Vacca la responsabilità maggiore è sulle spalle del Pd perche «Il giorno dopo le elezioni il Pd ha perso la prima occasione per dimostrare una reale volontà di cambiamento, offrendoci immediatamente poltrone e incarichi (per bocca oltretutto di un volto nuovo come D'Alema) come se fossimo un UDC qualsiasi».
Poi conclude: «Ultime consultazione da Napolitano, mandato a Bersani revocato ed ennesima opportunità di dimostrare la volontà di cambiamento: provare a dare l'incarico al Movimento 5 stelle per fare un governo autorevole che portasse avanti il nostro programma, dopo aver ottenuto ovviamente la fiducia in Parlamento. Niente, altra occasione persa».