INVESTIMENTI

Abruzzo/ Sanità: 40 milioni per nuove attrezzature nel 2012

«Ridurre tempi attesa e referti sempre piu' dettagliati»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2707

Abruzzo/ Sanità: 40 milioni per nuove attrezzature nel 2012
ABRUZZO. Nuove attrezzature a beneficio dei presidi ospedalieri delle Asl Abruzzesi, più di 40 milioni di investimenti nel 2012, molte sono già in funzione e per le altre sono in corso di ultimazione in questi giorni le gare d'acquisto.

Abruzzo/ Sanità: 40 milioni per nuove attrezzature nel 2012
«Ridurre tempi attesa e referti sempre piu' dettagliati»
Sanità, gianni chiodi, attrezzature mediche, asl, tac, chieti, lanciano, l’aquila, ospedali
ABRUZZO. Nuove attrezzature a beneficio dei presidi ospedalieri delle Asl Abruzzesi, più di 40 milioni di investimenti nel 2012, molte sono già in funzione e per le altre sono in corso di ultimazione in questi giorni le gare d'acquisto.
 Nel dettaglio, nella Asl di Avezzano Sulmona L'Aquila nel 2012 sono stati acquistati quasi 4 milioni di attrezzature sanitarie e per altri 4 milioni e 600 mila sono in corso le gare per l'acquisto, tra cui tre nuove TAC, di cui una a 128 strati, ecografi, ecocardiografi, nuova strumentazione endoscopica e un nuovo Fibroscan.
 La nuova TAC a 128 strati è la più potente nel mondo, essa permette di "scannerizzare" l'intero corpo umano in circa 3 secondi, fornendo ai sanitari una visione completa ad altissima definizione, che agevolerà notevolmente i chirurghi, abbattendo contemporaneamente il tempo necessario per definire le condizioni del paziente e i traumi presenti. 
Nella Asl di Lanciano Vasto Chieti nel 2012 sono stati acquistati più di 6 milioni di attrezzature tra cui Mammografi, Pet-Tac e nel primo trimestre 2013 sono già state avviate gare per 5 milioni per l'acquisto anche di 24 Ecografi per i Presidi Ospedalieri e di un acceleratore per radioterapia. 
La Asl di Pescara nel 2012 ha acquistato più di 2 milioni di attrezzature tra cui 2 risonanze magnetiche nucleari e un miscroscopio ad alta risoluzione.
La Asl di Teramo nel 2012 ha avviato gare per l'acquisto di più di 18 milioni di attrezzature tra cui TAC, Ecografi, Ecocolordoppler, apparecchiature per l'oculistica, cardiologiche, endoscopiche e polmonari. 
«In questi anni come commissario alla Sanità - commenta il presidente della Giunta regionale, Gianni Chiodi - il mio primo obiettivo è stato il risanamento dei conti, dato che il nostro sistema sanitario presentava disavanzi da più di 300 milioni l'anno, poi il recupero di una credibilità a livello ministeriale e nazionale, ora la nostra frontiera è quella di garantire un sistema sanitario di qualità, fatto di ricoveri appropriati, di eccellenze, di personale qualificato e di attrezzature d'avanguardia. L'arrivo programmato di nuovi macchinari ci permetterà di soddisfare la maggiore richiesta dell'utenza sia interna che esterna e di puntare alla riduzione delle liste d'attesa. Sarà possibile così eseguire più velocemente gli esami e aumentare il ventaglio delle prestazioni, migliorando l'efficacia della prevenzione grazie alla presenza nei nostri ospedali di macchinari d'avanguardia».
Chiodi ha ricordato che l'Abruzzo è tra le cinque Regioni con i conti sanitari in attivo, ed è anche l'unica che ha ridotto le tasse e non ha aumentato i ticket per propria scelta.
I VOTI ALLA SANITA’ ABRUZZESE
Adesso l’Ente, interessato all'opinione dei suoi cittadini, sta partecipando come regione pilota ad una Ricerca promossa dall'Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali finanziata dal Ministero della Salute: un'indagine conoscitiva nazionale sulla qualità delle strutture ospedaliere secondo la prospettiva del cittadino. Hanno preso parte all'iniziativa 16 Regioni e sono state analizzate 54 strutture sanitarie a campione sia pubbliche che private e nel 2013 tale analisi riguarderà tutte le strutture dell’intero territorio nazionale.
 I quattro fattori dell'umanizzazione analizzati sono: Processi assistenziali e organizzativi orientati al rispetto e alla specificità della persona che come media dei 54 ospedali delle 16 Regioni è pari a 6,2 su un punteggio massimo di 10 e per le strutture abruzzesi analizzate la media è pari a 5,56 con un punteggio di 7,54 dell'Ospedale Santo Spirito di Pescara; Accessibilità fisica, vivibilità e comfort dei luoghi di cura, la media dei risultati dell'intero campione è 7,0 e per le strutture abruzzesi è 6,96; Accesso alle informazioni, semplificazione e trasparenza a livello di intera ricerca la media del campione è 6,7 ,per le strutture abruzzesi analizzate è 7,3, quindi superiore alla media derivante dai dati ottenuti dai 54 ospedali; Cura della relazione con il paziente/cittadino come risultato della media di tutte le strutture prese ad analisi è 6,9 per le strutture abruzzesi è 5,74. 


 Nel dettaglio, nella Asl di Avezzano Sulmona L'Aquila nel 2012 sono stati acquistati quasi 4 milioni di attrezzature sanitarie e per altri 4 milioni e 600 mila sono in corso le gare per l'acquisto, tra cui tre nuove TAC, di cui una a 128 strati, ecografi, ecocardiografi, nuova strumentazione endoscopica e un nuovo Fibroscan. La nuova TAC a 128 strati è la più potente nel mondo, essa permette di "scannerizzare" l'intero corpo umano in circa 3 secondi, fornendo ai sanitari una visione completa ad altissima definizione, che agevolerà notevolmente i chirurghi, abbattendo contemporaneamente il tempo necessario per definire le condizioni del paziente e i traumi presenti. Nella Asl di Lanciano Vasto Chieti nel 2012 sono stati acquistati più di 6 milioni di attrezzature tra cui Mammografi, Pet-Tac e nel primo trimestre 2013 sono già state avviate gare per 5 milioni per l'acquisto anche di 24 Ecografi per i Presidi Ospedalieri e di un acceleratore per radioterapia. La Asl di Pescara nel 2012 ha acquistato più di 2 milioni di attrezzature tra cui 2 risonanze magnetiche nucleari e un miscroscopio ad alta risoluzione.

La Asl di Teramo nel 2012 ha avviato gare per l'acquisto di più di 18 milioni di attrezzature tra cui TAC, Ecografi, Ecocolordoppler, apparecchiature per l'oculistica, cardiologiche, endoscopiche e polmonari. «In questi anni come commissario alla Sanità - commenta il presidente della Giunta regionale, Gianni Chiodi - il mio primo obiettivo è stato il risanamento dei conti, dato che il nostro sistema sanitario presentava disavanzi da più di 300 milioni l'anno, poi il recupero di una credibilità a livello ministeriale e nazionale, ora la nostra frontiera è quella di garantire un sistema sanitario di qualità, fatto di ricoveri appropriati, di eccellenze, di personale qualificato e di attrezzature d'avanguardia. L'arrivo programmato di nuovi macchinari ci permetterà di soddisfare la maggiore richiesta dell'utenza sia interna che esterna e di puntare alla riduzione delle liste d'attesa. Sarà possibile così eseguire più velocemente gli esami e aumentare il ventaglio delle prestazioni, migliorando l'efficacia della prevenzione grazie alla presenza nei nostri ospedali di macchinari d'avanguardia».

Chiodi ha ricordato che l'Abruzzo è tra le cinque Regioni con i conti sanitari in attivo, ed è anche l'unica che ha ridotto le tasse e non ha aumentato i ticket per propria scelta.

I VOTI ALLA SANITA’ ABRUZZESE

Adesso l’Ente, interessato all'opinione dei suoi cittadini, sta partecipando come regione pilota ad una Ricerca promossa dall'Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali finanziata dal Ministero della Salute: un'indagine conoscitiva nazionale sulla qualità delle strutture ospedaliere secondo la prospettiva del cittadino. Hanno preso parte all'iniziativa 16 Regioni e sono state analizzate 54 strutture sanitarie a campione sia pubbliche che private e nel 2013 tale analisi riguarderà tutte le strutture dell’intero territorio nazionale. I quattro fattori dell'umanizzazione analizzati sono: Processi assistenziali e organizzativi orientati al rispetto e alla specificità della persona che come media dei 54 ospedali delle 16 Regioni è pari a 6,2 su un punteggio massimo di 10 e per le strutture abruzzesi analizzate la media è pari a 5,56 con un punteggio di 7,54 dell'Ospedale Santo Spirito di Pescara; Accessibilità fisica, vivibilità e comfort dei luoghi di cura, la media dei risultati dell'intero campione è 7,0 e per le strutture abruzzesi è 6,96; Accesso alle informazioni, semplificazione e trasparenza a livello di intera ricerca la media del campione è 6,7 ,per le strutture abruzzesi analizzate è 7,3, quindi superiore alla media derivante dai dati ottenuti dai 54 ospedali; Cura della relazione con il paziente/cittadino come risultato della media di tutte le strutture prese ad analisi è 6,9 per le strutture abruzzesi è 5,74.