ECONOMIA E TURISMO

Abruzzo/Balneari, lunedì a Silvi l’assemblea dell’Adriatico

Le associazioni: «è il momento di ripensare al futuro»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2340

SPIAGGIA ROSETO
PESCARA. Lunedì 4 febbraio l’Abruzzo tornerà ad ospitare una manifestazione di carattere nazionale degli imprenditori balneari.




All’interno della Fiera Adriatica di Silvi Marina, dove si terrà la ventiduesima edizione della fiera per addetti ai lavori “Saral”, le associazioni più rappresentative del settore, ovvero Fiba-Confesercenti, Sib-Confcommercio, Fab-Cna e Assobalneari-Confindustria, hanno chiamato a raccolta gli associati delle regioni dell’Adriatico per discutere del futuro delle loro imprese. Alla manifestazione - che inizierà alle 15.30 - sono invitati i rappresentanti delle istituzioni locali e nazionali, perché sia possibile un confronto a viso aperto sul destino delle oltre 30mila concessioni balneari, prevalentemente affidate a piccole e medie imprese.
«Per l’Abruzzo questa è una partita decisiva – spiega Antonio La Torre, presidente regionale e vicepresidente nazionale di Fiba-Confesercenti – perché la più grande industria non delocalizzabile viene messa in discussione. Vogliamo difendere il diritto degli abruzzesi a fare impresa senza dover cedere il passo alle multinazionali. La sfida è aperta, se la politica ci crede è possibile tutelare le 800 imprese abruzzesi non solo a parole. La prossima legislatura sarà decisiva per liberare l'intero settore da questa situazione di incertezza e precarietà che dura oramai da più di quattro anni con blocco degli investimenti e la conseguente perdita di competitività».
«Siamo amareggiati dall’atteggiamento assunto fino ad oggi dalla politica sia a livello locale che nazionale – sottolinea Riccardo Padovano, presidente di Sib-Confcommercio – è il momento di cambiare pagina e chiediamo che coloro che andranno a rappresentarci in Parlamento assumano concretamente l’impegno di dare alle 800 imprese balneari abruzzesi un futuro certo. Basta con il pressappochismo che ha dominato la scena politica recente, fatto di tante promesse ma di pochi fatti. Non faremo sconti a nessuno: valuteremo se nel programma politico dei candidati sia inserito un punto specifico finalizzato alla risoluzione definitiva del nostro problema che da anni ci impedisce di pianificare gli investimenti nelle attività balneari».
«Vogliamo impegni precisi dalla politica per la tutela dell'attuale sistema turistico costiero e per la salvaguardia delle 30.000 aziende della balneazione italiana» aggiunge Cristiano Tomei, coordinatore nazionale di Fab-Cna, «chiediamo gli stessi diritti accordati ad altri Paesi europei riaprendo il confronto in Europa sulla direttiva servizi, per evitare le aste e la liquidazione di migliaia di imprese familiari. La politica deve darci risposte chiare e non ambigue».