FONDI PUBBLICI

Abruzzo montano, Regione eroga 620 mila euro

200mila euro alla comunità del Sangro Vastese

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1872

comunità montane abruzzo

ABRUZZO. La Regione Abruzzo ha assegnato alle Comunità montane 619.016,69 euro.
Circa 200 mila sono andati a quella del Sangro Vastese. Lo annuncia in una nota il Responsabile della Comunità Montana Arturo Scopino che sottolinea come: «Questo finanziamento che viene erogato da parte della Regione, mette in evidenza la rilevanza assunta dalla Comunità Montana Sangro Vastese negli anni. Oltre alla gestione associata dei servizi sociali, sono sempre di più infatti i servizi pensati a favore della collettività e del territorio garantiti da questa Istituzione che è diventata punto di riferimento per le politiche di un territorio vasto che abbraccia venti comuni».
Il presidente Scopino punta il dito contro la recente decisione assunta dalla Regione di abolire le Comunità Montane in linea con la spending review imposta dallo Stato.

«Nel corso degli anni, anche grazie all'apporto di personale altamente qualificato, abbiamo creato sul nostro territorio tanti servizi destinati ai cittadini, che hanno di fatto migliorato la qualità della vita degli abitanti della montagna. Noi vogliamo difendere gli interessi dei nostri abitanti – afferma Scopino – per questo riteniamo sbagliato la soppressione delle Comunità Montane che oltre a interrompere attività oramai consolidate, rischia di mettere in mezzo alla strada centinaia di famiglie che lavorano per i nostro servizi».
I fondi regionali sono relativi all'esercizio in forma associata di Funzioni e Servizi e fanno riferimento al Programma 2012. «La liquidazione delle somme da parte della Regione Abruzzo», chiude Scopino, «è l'occasione per ribadire l'importanza di questa istituzione per i territori che ne fanno parte e la necessità di mantenere in vita la Comunità Montana per evitare la fine di tante esperienze significative e di successo oltre che la dispersione di un patrimonio di professionalità che rimarrebbero improvvisamente senza più alcuna prospettiva».