VERSO LE ELEZIONI

Abruzzo/Elezioni. Sel: «le nostre sono liste pulite»

Sel presenta i suoi candidati alla Camera e al Senato

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1540

Abruzzo/Elezioni. Sel: «le nostre sono liste pulite»


ABRUZZO. Anche Sinistra Ecologia Libertà Abruzzo ha aperto la propria campagna elettorale.
Il coordinatore regionale di Sel, Gianni Melilla, nonché capolista alla Camera, ha sottolineato che il partito ha costruito delle liste costituite «per metà da uomini e per metà da donne, le nostre liste sono pulite non ci sono indagati. Per noi la questione morale è una condizione imprescindibile per fare politica, è una condizione necessaria ma non basta: per fare politica ci vuole competenza».
Per Melilla la lista di Sel «è uno spaccato dei movimenti che hanno animato la vita politica e culturale della regione, compagni che provengono dal sindacato, dalle lotte operaie, donne che hanno animato i movimenti come 'Se non ora quando'. Ci sono avvocati, liberi professionisti, operai, insegnati precari e vogliamo far irrompere nel dibattito politico la questione del lavoro che per noi è centrale».
Il coordinatore regionale ha ribadito che sarà riservata un'attenzione particolare alle fasce più deboli «come i disabili non possono essere lasciati sempre alle famiglie, e vogliamo potenziare tutti i servizi a loro dedicati come i centri diurni con uno sguardo anche verso gli anziani non autosufficienti. Un terzo degli abruzzesi è scivolato nella povertà: noi vogliamo combatterla».
Silvia Di Salvatore, di Penne, candidata alla Camera e Presidente dell'associazione Donne Vestine ha affermato di voler migliorare la legislazione in favore delle donne: «se le donne non vengono aiutate, se il welfare non le agevola tornando indietro, aumenta per loro il carico di lavoro, è quindi un problema sociale e non solo riguardante la questione di genere».
Per Anna Suriani, Assessore alla Cultura di Vasto e candidata al Senato è invece la questione ambientale ad essere la priorità: «sono strategiche, negli ultimi 15 anni è stata coperta dal cemento una porzione di territorio uguale a quella dell'Abruzzo e del Lazio messe insieme, un paesaggio straordinario che era un'opportunità per l'Italia ed è stato invece svilito da governi molto poco attenti a queste cose. Tante sensibilità nel centrosinistra sono mancate, sensibilità che invece Sel porterà all'attenzione».
A concludere la conferenza stampa l'ex presidente della Federazione Nazionale della Stampa e ora capolista di Sel in Abruzzo Roberto Natale, che risponde in merito alle polemiche sulla presunta disomogeneità della coalizione Italia Bene Comune: «La compattezza programmatica di Italia Bene Comune è nettamente superiore a quella che rappresentazioni interessate vogliono mostrare. Bersani e Vendola sono molto più vicini di quanto si possa pensare. Sul tema del lavoro non c'è nessuna distanza all'interno della coalizione di centrosinistra». Natale ha poi commentato le recenti dichiarazioni di Beppe Grillo sul Sindacato: «Tutta la coalizione progressista e Sel è convinta che il sindacato sia un fattore di equità sociale e modernizzazione». L'ex presidente della Fnsi ha poi concluso affermando che: «tutelare l'ambiente non solo è giusto ma anche utile, dobbiamo dire basta al consumo del territorio. Altra questione le spese militari: l'ha detto anche Bersani che gli F35 (aerei da guerra, ndr) sono inutili, una richiesta per anni considerata radicale, adesso è evidente che quella richiesta non aveva nulla di radicale ma è nel buon senso capire che quei 10 mld di euro sarà molto più utile investirli nel sociale». A conferenza conclusa è arrivato anche l'endorsment per Sel di Mario Collevecchio (ex sindaco di Pescra, ndr) il quale assisteva alla presentazione.