VERSO LE ELEZIONI

Abruzzo/ Elezioni. Anche Casa Pound in corsa per il Parlamento

«Volti nuovi provenienti dall'attivismo sociale»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2578

Abruzzo/ Elezioni. Anche Casa Pound in corsa per il Parlamento




ABRUZZO. Anche CasaPound Italia, movimento politico presente in tutta la nazione ed attivo in regione sin dalla sua fondazione nel 2008, sarà presente alle elezioni politiche del 24 e 25 Febbraio con proprie liste alla Camera ed al Senato nella circoscrizione Abruzzo.
«Il nostro intento è quello di portare in Parlamento l’esperienza maturata in 4 anni di attività sociale, culturale e di volontariato a fianco dei cittadini», spiega Simone Laurenzi, responsabile abruzzese dell’associazione e candidato alla Camera.
«Le nostre liste sono composte da giovani provenienti da tutte le province abruzzesi, volti nuovi nella scena politica, persone che hanno costruito il proprio curriculum politico non nelle segreterie di partito ma sul campo, operando nel concreto per venire incontro alle esigenze reali della gente. Tra le attività svolte dai militanti di CasaPound ricordiamo l’opera di volontariato prestata in occasione del terremoto de L’Aquila, nel campo di Poggio Picenze, e dell’Emilia, nei campi di Pilastri e Scortichino. E ancora, la distribuzione alimentare per famiglie in difficoltà, attiva ogni mercoledì pomeriggio a L’Aquila, o le campagne per la promozione di un disegno di legge per la riforma di Equitalia e per l'approvazione del Mutuo Sociale, allo scopo di garantire una casa di proprietà ad ogni famiglia».
«Il nostro candidato capolista alla Camera - continua Laurenzi – è Simone Di Stefano, 36 anni, di Roma, attivo da oltre 10 anni nel circuito delle Occupazioni a Scopo Abitativo, occupazioni di stabili inutilizzati realizzate per dare una dimora a quanti non possono reggere il caro-affitti causato dalle speculazioni immobiliari nella Capitale. Tra i temi presenti nel nostro programma, a fianco del Mutuo Sociale e della riforma di Equitalia, il recupero della sovranità monetaria, il controllo statale sulle attività bancarie e sui comparti strategici, il taglio dei finanziamenti pubblici alla politica,il blocco dell’immigrazione selvaggia e dell’importazione dei prodotti a basso posto provenienti da quei paesi dove non vengono garantiti salari adeguati e rispettate le norme di sicurezza. Invitiamo quindi gli abruzzesi a votarci, per esprimere un voto utile, un voto dato ad un gruppo di giovani, maturati politicamente a contatto con la gente, che intendono imprimere un vero cambiamento alla nostra regione ed all’Italia tutta».
Alla Camera con Di Stefano ci sono Simone Laurenzi, Ercole Marchionni, Paolo Ardini, Stefano Di Battista, Manuela Magno, Andrea Ciarallo, Alberto Di Giandomenico, Ivan Novelli, Mario Angelucci, Roberto Monardi, Alessio Di Cuollo, Flaviano Tata, Silvia Marini. Al Senato Mirko Iacomelli, Pierluigi Carissimi, Paolo Antelli, Claudio Angelucci, Ruperto Cavaliero, Aldo Iervese e Roberto Veggetti.