IL CASO

Abruzzo. Figlia disabile per errore medico, Regione dice no all’accordo: scatta pignoramento

Ma Chiodi preme per la firma: «mi auguro ci sia ancora tempo»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1994

Abruzzo. Figlia disabile per errore medico, Regione dice no all’accordo: scatta pignoramento
TERAMO. La Regione Abruzzo è stata condanna al risarcimento danni di 2 milioni e 650 mila euro a favore di una famiglia teramana.

La famiglia da venti anni accudisce la figlia disabile dalla nascita per un errore medico compiuto durante il parto all'ospedale 'Mazzini' di Teramo. Ma dopo due sentenze favorevoli la famiglia, attraverso il legale Gianni Gebbia, si è vista costretta a procedere al pignoramento della somma nei confronti della Regione dopo che è saltata la firma dell'accordo transattivo, previsto per il 20 dicembre scorso, basato sul versamento di circa 2,2 milioni di euro, con un risparmio di circa 450 mila euro per l'ente regionale.
Per raggiungere l'intesa prima del terzo grado di giudizio, c'era stato l'intervento, ritenuto decisivo, del presidente Chiodi e del suo più stretto collaboratore Enrico Mazzarelli, segretario della presidenza della Giunta regionale, per i quali è giusto definire un contenzioso vecchio di circa venti anni legato ad una vicenda molto grave e dolorosa.
Secondo l'avvocato Gebbia, l'intesa è saltata per via di dissidi tra l'ufficio legale della giunta regionale e quello della sanità.
La transazione prevedeva, come stabilito dei dirigenti dell'ufficio legale, un pagamento rapido a condizione che la somma dovuta fosse ridotta a 2,2 milioni di euro e fosse divisa in due rate: una di circa 1,8 milioni di euro entro il 31 gennaio 2013 e l'altra di circa 400 mila euro entro il 31 dicembre prossimo.
Prima di Natale, il 20 dicembre, la doccia fredda per la famiglia, esposta a un notevole esborso economico per curare la figlia che non ha mai potuto avere una vita normale, visto che non parla, essendo assente rispetto al mondo che la circonda. Il padre della giovane disabile ha scritto una lettera aperta nella quale denuncia la mancata transazione sottolineando il calvario della famiglia.
«Spero che sia solo conseguenza di un ritardo amministrativo della burocrazia regionale e che l'accordo transattivo possa ancora farsi», ha commentato il presidente della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi, che è anche commissario per la sanità.
«Altrimenti - ha aggiunto - sarà chiaro a chi addebitare eventuali maggiori oneri che la Regione dovesse trovarsi a pagare. Si tratta di un episodio di tanti anni fa. Ora chiuderlo e risarcire la famiglia è una cosa giusta. Domani stesso solleciterò ancora una volta una definizione».