IL CASO

Gomme da neve, abolito l’obbligo. Bastano le catene

Abrogata la norma inserita nel decreto Sviluppo

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

6137

gomme termiche
ABRUZZO. Aveva fatto discutere ma alla fine è archiviata.

E’ stata abrogata ieri la norma del decreto Sviluppo che imponeva l'uso di pneumatici termici al di fuori dei centri abitati in caso di neve. Lo prevede l'emendamento dei relatori alla legge di stabilità approvato dalla commissione Bilancio del Senato.
L’uso esclusivo di pneumatici invernali era stato proposto dai senatori Pdl Ghigo e Paravia e aveva fatto discutere e scatenare feroci proteste anche per via dell’importante impegno di spesa al quale sarebbero stati costretti gli italiani. Ma adesso gli automobilisti possono tirare un sospiro di sollievo.
«E’ un grande risultato seguito con fermezza dall' Asaps», commenta il presidente dell'Associazione sostenitori della Polstrada, Giordano Biserni. «Fa piacere che ogni tanto anche in Parlamento ci si renda conto di un errore. E' il caso - sottolinea l'Asaps - dell'approvazione dell'emendamento nella legge di sviluppo che prevedeva, in talune condizioni, la possibilità dell'utilizzo esclusivo delle gomme da neve, estromettendo di fatto l'uso delle catene. Quell'assurda norma, che è vissuta appena pochi giorni, aveva ingenerato solo confusione e perplessità fra gli automobilisti e fra le stesse forze di polizia che si sarebbero trovate di fronte ad una frastagliata carta geografica con strade in uso esclusivo alle gomme da neve e altre no». «L'Asaps - spiega Biserni - ha da sempre sostenuto la praticità e l'efficacia delle gomme invernali, che nessuno può mettere in discussione, ma nell'università della neve e del ghiaccio se le gomme invernali superano bene gli esami, le catene rimangono da 30 e lode». L'associazione ha anche espresso contrarietà all'aumento automatico delle sanzioni dal primo gennaio.
Salta anche l’obbligo per le case produttrici di inserire l’Abs sulle moto. Il dl stabiliva che le case produttrici di moto avrebbero dovuto garantire l’offerta su tutti i veicoli di nuova immatricolazione, a due o tre ruote e di cilindrata pari o superiore a 125 centimetri cubi, i sistemi di sicurezza e di frenata avanzati, dunque l’abs.