RIFIUTI "PERICOLOSI"

Raccolta differenziata, Abruzzo al 33,5%. «Smentito Di Dalmazio»

Rifondazione: «l’assessore regionale dà i numeri»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2746

Raccolta differenziata, Abruzzo al 33,5%. «Smentito Di Dalmazio»

Mauro Di Dalmazio

L’AQUILA. Due mesi fa l'assessore regionale Mauro Di Dalmazio aveva annunciato trionfalmente nel corso di un workshop che l’Abruzzo ha superato la fatidica soglia del 40 per cento di raccolta differenziata.
Erano seguiti interrogativi e meraviglia, tanta meraviglia. «Da dove li ha tirati fuori quei numeri l’assessore?», si era interrogata Rifondazione Comunista che aveva scoperto che sul sito istituzionale non c’era traccia alcuna. Dai proclami della Regione, dunque, sembrava quasi arrivato il momento di muoversi e pensare alla soluzione dei termovalorizzatori.
La "fatidica soglia del 40%" è infatti quella da superare (il limite venne fatto inserire nel piano rifiuti proprio da Rc) prima di poter dare il via alla «valorizzazione energetica dei rifiuti», detti anche inceneritori.
Il Pdl aveva intenzione di cancellare quella norma ma non ci riuscì, non solo per l’opposizione di Rifondazione ma soprattutto perché sulla questione è intervenuta la magistratura.
«Considerata l'importanza che rivestirebbe il superamento del 40% ci aspettavamo che all'annuncio dell'assessore seguissero dati», hanno detto questa mattina Maurizio Acerbo, consigliere regionale Prc e Amanda De Menna, segreteria regionale Prc.
Infatti i dati ufficiali sono arrivati ma che non corrispondano a quanto dichiarato dall'assessore Di Dalmazio.

I DATI: ABRUZZO AL 33,5%
Infatti in occasione della settima edizione di ''RiciclAbruzzo - Dalla raccolta differenziata agli indici di buona gestione i comuni ricicloni d'Abruzzo", organizzato il 23 novembre scorso con la collaborazione dell'associazione ambientalista Legambiente presso la Sala Convegni dell'Aeroporto d'Abruzzo, sono stati resi noti i dati sulla raccolta differenziata aggiornati al secondo semestre del 2011.
La raccolta differenziata è cresciuta «passando dal 28,5% del 2010 al 33,5% del 2011, ma la Regione, con 109 Comuni su 305 al di sotto del 15% e solo 34 che superano il 60%».
I dati del 2012 non sono, a tutt’oggi, in linea con quelli del 2011, nel senso che su 27 "comuni ricicloni" 8 avrebbero indietreggiato un pochino.
Sul sito della Regione Abruzzo sono consultabili gli interventi del workshop “Riciclabruzzo 2012” del 23 novembre e, in particolare i dati forniti dal direttore del servizio gestione rifiuti Franco Gerardini che si attestano sul 33,50%.
Rifondazione ha già preparato una interrogazione da girare a Di Dalmazio: su quali dati si è fondata la sua dichiarazione che annunciava il superamento del 40% di raccolta differenziata? Come è possibile che l'Assessore Regionale sia in possesso di dati che divergono notevolmente da quanto reso pubblico dal Direttore, in un convegno organizzato dal suo stesso assessorato?