LA STORIA

Scambiate alla nascita si incontrano grazie a Facebook

La storia delle due donne che si sono incontrate a Sulmona

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2549

Scambiate alla nascita si incontrano grazie a Facebook
SULMONA. In studio oggi a Uno Mattina Dolores La Rocca e Antonella Chiodi, scambiate in culla alla nascita, hanno vissuto per 5 giorni la vita dell’altra.



Alla fine le bimbe sono tornate tra le braccia della mamma giusta e, a distanza di 46 anni, hanno deciso di incontrarsi, dopo uno scambio epistolare su Facebook, per raccontarsi le conseguenze di questo errore.
Lo scambio avvenne il 7 settembre 1965 nel reparto maternità dell’ospedale San Giovanni di Roma.
Poi, poco prima che le bambine tornassero a casa le neonate furono consegnate ai veri genitori perché i medici si accorsero dell’errore.
A quel tempo per identificare i neonati non c’era il braccialetto, ma si metteva un cerotto con il cognome sulla schiena del bimbo.
Il papà di Dolores (al quale però era stata consegnata Antonella) chiese alle infermiere di fare un bagnetto alla piccola prima di essere dimessa e lì si scoprì l’errore.
Dopo molti anni da Dolores è partita la curiosità di cercare Antonella. Le ha provate tutte, si è rivolta anche al programma “C’è posta per te” ma senza esito. E’ stato Facebook a far incontrare le due prima virtualmente e poi realmente, dopo un appuntamento che si sono date in piazza Garibaldi a Sulmona.
«Quando ci siamo abbracciate, ho avuto la sensazione di abbracciare una persona conosciuta da sempre», ha detto Antonella. «Per me è la sorella che ho vissuto da lontano per 46 anni, pensando a lei nei momenti più e meno importanti della mia vita». «Il nostro incontro è un cerchio che si chiude», ha commentato Dolores, «la sua presenza è parte della mia vita, è qualcosa che non si può cancellare».
Maria Dolores oggi è una naturopata, vive a Secinaro, vicino Sulmona e ha due figli, Rosita di 18 anni e Diego di 16. Antonella, ora abita a Guidonia e ha un figlio di 24 anni.