PRIMARIE DEL CENTROSINISTRA

Malumori dei Renziani: «Grave e inaccettabile decisione sul secondo turno»

Nessun criterio di massima nella valutazione della giustificazione

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1469

Malumori dei Renziani: «Grave e inaccettabile decisione sul secondo turno»
ABRUZZO. Le regole per l’ammissione al secondo turno delle primarie approvate dai Coordinamenti Provinciali delle primarie, lasciano totale discrezionalità alle Commissioni.

La famosa giustificazione di chi non si è iscritto al primo turno potrà essere respinta a insindacabile giudizio.
Sarà dunque possibile inviare anche via fax o via email la richiesta di registrazione al secondo turno delle primarie, per chi non si fosse iscritto entro il 25 novembre ma saranno accettati solo colore i quali dimostreranno l’assenza al giro precedente «per ragioni indipendenti dalla propria volontà».
A nulla sono valse le richieste ufficiali del Comitato Renzi che a Teramo, spiega il delegato provinciale Vincenzo Di Marco, ha chiesto che, almeno, fossero individuati dei criteri di massima nella valutazione della “giustificazione”. La risposta è stata: totale arbitrio.
La delegazione di Teramo ‘Per Matteo Renzi’ spiega di non aver sottoscritto il verbale della riunione di ieri sera ma «lo renderemo pubblico in maniera che ognuno possa giudicare quanto siano in malafede tutti coloro che si nascondono dietro le regole.
I cittadini hanno dato al PD e alla coalizione oltre 6 milioni di euro per organizzare le primarie; è dovere del PD e della coalizione – non dei Comitati Bersani né dei Comitati Renzi – organizzare al meglio le primarie e dare ampia diffusione, con i soldi che i cittadini gli hanno dato, dei modi e dei termini per andare a votare».
Le Commissioni provinciali dovranno rispondere delle motivazioni dei dinieghi per l’accesso al voto. «Chiederemo che vengano resi pubblici tutti i verbali», assicura Di Marco.
I numeri ufficiali del Pd dicono che la differenza di votanti al primo turno è meno di 300mila voti.

LE REGOLE
Il 2 Dicembre dalle ore 08.00 alle ore 20.00 sarà possibile votare negli stessi seggi del primo turno.
Possono votare al ballottaggio tutti gli elettori che hanno votato al primo turno munendosi di documento di riconoscimento e portando con se il certificato di elettore del centrosinistra rilasciato dall’ufficio elettorale delle primarie preposto, possono votare anche chi si è registrato online entro il 25 novembre, completando la registrazione presso il seggio.
Chi non si fosse registrato entro questa data e intendesse comunque votare per il secondo turno, può iscriversi nei giorni di giovedì 29 e venerdì 30 novembre dalle ore 15.30 alle ore 19.00 presso le sedi dei Coordinamenti Provinciali o via email solo se in possesso di adeguata documentazione che dimostri (così come indicato all'art.14 del regolamento) che la mancata registrazione prima del 25 novembre era dovuta a "cause indipendenti dalla propria volontà". La richiesta dovrà essere completa di documento di riconoscimento, numeri telefonici per contattare il richiedente. Spetterà al Coordinamento Provinciale verificare l'attendibilità o meno della documentazione prodotta, così come stabilito dalla apposita deliberazione del Coordinamento Nazionale.