Rock 2.0: “vernissage” per la macchina elettrica ecocompatibile prodotta in Abruzzo

Sabato al polo fiersitico della Camera di Commercio di Chieti

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

2124

Rock 2.0: “vernissage” per la macchina elettrica ecocompatibile prodotta in Abruzzo

MONTESILVANO. "Rock 2.0" non è l’ultima versione tecnologica dell’intramontabile genere musicale nato negli Usa ed in Gran Bretagna negli anni ’50.

E’ il nome di una macchina elettrica ecocompatibile, completamente prodotta in Abruzzo, dalla Ifelv di Casoli, in provincia di Chieti. Un prototipo di vettura, progettata e realizzata dall’ingegner Florin Stoenescu, amministratore della stessa azienda, sarà presentato sabato 24 presso il polo fieristico della Camera di Commercio di Chieti, in località Madonna delle Piane nel corso di un evento organizzato dall’associazione Pmi Abruzzomolise e dalla stessa Ifelv.

La Ifelv S.r.l. (Italian Forward Electric Vehicles) e' un'azienda nata proprio quest’anno con lo scopo di costruire macchine elettriche per andare incontro alle nuove esigenze, avvertite su scala mondiale, di miglioramento dell'ambiente e di riduzione sensibile dei costi del carburante. 
I prototipi realizzati, in particolar modo nel settore industriale, hanno permesso a questa giovane realtà produttiva di essere invitata all'Ecomondo di Rimini, all’inizio di questo mese, e di presentare l’auto elettrica in una vetrina prestigiosa per una promozione su vasta scala. La giornata di sabato 24 inizierà, alle 10.15, con i saluti delle autorità.

A seguire, con inizio alle 12.00, avrà luogo un dibattito moderato dal giornalista della Rai, Giulio Borrelli. L’ingegner Stoenescu, in particolare, spiegherà perché si è ormai proiettati verso un futuro elettrico. Nell’ultimo decennio, infatti, si è accentuata la necessità di realizzare mezzi di trasporto che utilizzano energia alternativa ai combustibili fossili. In questa direzione, la tecnologia ha compiuto progressi importanti per mettere a disposizione conoscenze e componenti molto competitivi. Sono stati sviluppati motori performanti AC brushless , con consumi ridotti di energia così come sono state prodotte batterie che, a parità di peso, permettono di immagazzinare una quantità di energia fino ad un + 42%. Inoltre, l’affidabilità degli impianti elettronici, oggi, supera quella dei classici motori a combustione.

A penalizzare, finora, la diffusione di questi mezzi è stata la mancanza di una rete di rifornimento per l’energia elettrica. Tuttavia, soprattutto negli ultimi due anni, le grandi imprese distributrici di energia si sono attivate per realizzare progetti pilota presso i centri urbani più interessati al trasporto elettrico.