TASSE

Abruzzo, tesoretto da 40 mln: la Regione pensa di ridurre Irpef e Irap

Percorso ancora lungo ma c’è l’impegno e le promesse dell’assessore Carlo Masci

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1599

Carlo Masci

Carlo Masci

ABRUZZO. La Regione, dopo il risanamento dei conti della sanità, ha a disposizione, per il 2012, risorse per un ammontare pari a quasi 40 milioni di euro.

Una sorta di "tesoretto" che potrebbe essere restituito integralmente ai cittadini abruzzesi sotto forma di riduzione delle aliquote Irpef ed Irap.
Lo ha annunciato, ieri pomeriggio, a Pescara, l'assessore al Bilancio, Carlo Masci, al tavolo sulla fiscalità al quale hanno partecipato le forze sociali ed imprenditoriali presenti nel Patto per lo Sviluppo.
«Ci sono diverse ipotesi da vagliare - ha commentato Masci - ma il dato di fatto è che c'è una disponibilità economica rilevante per ridurre la tassazione nella nostra regione. Un risultato eclatante, impensabile solo fino a quattro anni fa quando eravamo la regione più tassata d'Italia ed anche quella più indebitata. Oggi, - ha proseguito l'assessore - grazie ad un lavoro serio e concreto di risanamento e rigore, di fronte al tavolo sulla fiscalità, abbiamo potuto confermare questa possibilità di riduzione delle tasse. La discussione è più che mai aperta - ha detto Masci - ma mi auguro che si arrivi in tempi brevissimi ad una decisione perchè l'obiettivo della Regione è quello di arrivare alla Finanziaria 2013 con una proposta di riduzione delle aliquote fiscali. Ovviamente, questa possibilità - ha sottolinato Masci - dovrà avere il placet del tavolo di monitoraggio interministeriale perchè è il Governo nazionale che deve liberare la Regione dal vincolo della fiscalità obbligatoria».
Sempre secondo Masci ci sarebbero tutte le condizioni perchè questo avvenga in quanto «da tre anni la Regioni non produce più deficit in sanità e da quattro anni non fa più debiti».
 Inoltre, si stanno pagando tutti i debiti pregressi e l'indebitamento pro capite degli abruzzesi, in quattro anni, è sceso del 25 per cento.
 Masci ha poi riferito che «le parti sociali presenti al tavolo hanno convenuto con la Regione sulla necessità che le risorse a disposizione debbano essere restituite ai cittadini e non siano utilizzate dalla politica». Quindi riduzione delle tasse come priorità assoluta. Staremo a vedere.