INDUSTRIA

«La Honda resterà in Val di Sangro»

Incontro oggi tra il presidente della Provincia di Chieti ed i nuovi dirigenti della azienda

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

2406

«La Honda resterà in Val di Sangro»
ATESSA. Il Presidente Enrico Di Giuseppantonio ha ricevuto questa mattina a Chieti in Provincia il general manager dello stabilimento Honda di Atessa Marcello Vinciguerra e il responsabile dell’area relazioni sindacali Mario Di Cesare con i quali sono state esaminate le prospettive dello stabilimento Honda e le ricadute che la crisi ha prodotto in termini occupazionali, con esuberi per 303 unità da parte dell’azienda nipponica.
«Sono preoccupato e al tempo stesso molto fiducioso», ha detto al termine dell’incontro il Presidente Di Giuseppantonio, «il nostro territorio, già duramente colpito dalla crisi, dovrà fare i conti con la perdita di  ulteriori posti di lavoro,  e con possibili ricadute negative anche sull’indotto. Tuttavia la notizia che ci lascia ben sperare è che la Honda resterà in Val di Sangro e ciò rappresenta una garanzia in un momento in cui si assiste ad una generale tendenza non solo al ridimensionamento ma addirittura alla delocalizzazione produttiva da parte di alcune importanti  aziende che operano in provincia di Chieti. Honda di fronte alla crisi sta attuando  le sue  strategie, sicuramente dolorose sotto il profilo occupazionale, e si è data tre anni di tempo per riportare il proprio bilancio in pareggio: la Provincia  – sottolinea il Presidente Di Giuseppantonio – cercherà di sostenerla in ogni modo per aiutarla a superare questa fase».
Parliamo di un’Azienda che produce per l’Europa avendo però il cuore in Val di Sangro, dove genera occupazione ed ha fatto nascere tante altre imprese che la supportano nella produzione.
«Credo che oggi l’intero territorio, i cittadini e le istituzioni», ha aggiunto il presidente della Provincia di Chieti, «debbano guardare alla Honda come ad un patrimonio da sostenere e da tutelare. Unitamente alla Regione, alle Forze sindacali e alle altre Istituzioni coinvolgeremo il  Governo centrale affinchè adotti iniziative che consentano alla Honda, che con Fiat e altre industrie forma il Polo abruzzese dell’automotive, di rafforzare la propria presenza. Dopo il prossimo incontro bilaterale azienda-sindacati, si terrà un nuovo incontro in Provincia per fare il punto della situazione».