SCIOPERO

Trasporto pubblico locale, previsto sciopero di 24 ore

I sindacati protestano per il mancato rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1161

Trasporto pubblico locale, previsto sciopero di 24 ore
PESCARA. Sciopero nazionale di 24 ore per il servizio di trasporti locale previsto il 16 novembre.

Lo comunicano i sindacati Filt Cgil, Fit-Cisl, Uilt-Uil, Ugl-Trasporti, Faisa-Cisal. Nella giornata di protesta saranno garantiti i servizi essenziali in base ad orari ancora da stabilire. Problemi anche in Abruzzo dove le segreterie regionali hanno fatto sapere che il personale aderirà allo sciopero nazionale.
La manifestazione nasce come protesta per il mancato rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro nel servizio trasporti pubblico locale scaduto nel 2007. Il 14 maggio 2009, le parti hanno siglato un'intesa che avrebbe dovuto portare alla definizione del protocollo sul Contratto collettivo nazionale della mobilità. Il percorso si è poi arrestato nel settembre del 2010.
Più volte il presidente dell'Autorità di garanzia sugli scioperi, Roberto Alesse, ha rivolto un appello al presidente Mario Monti, al ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Corrado Passera, al ministro per gli Affari Regionali, Piero Gnudi, per risolvere la questione del mancato rinnovo del contratto di lavoro.
I servizi garantiti in Abruzzo, durante lo sciopero, fanno sapere le segreterie regionali dei sindacati, sono quelli urbani ed extraurbani indispensabili per la generalità degli utenti e verranno assicurati dal 30% del personale viaggiante strettamente indispensabile per garantire la funzionalità logistica.
Si tratta di servizi di collegamento con gli aeroporti, con le stazioni ferroviarie e marittime, quelli di particolare importanza sociale quale il trasporto per i disabili ed il trasporto con scuolabus degli alunni delle scuole materne ed elementari. I sindacati fanno sapere che questi servizi saranno individuati con accordo tra le parti. In caso di mancato accordo, le aziende di trasporto possono comunque individuarli dando immediata comunicazione ai sindacati ed alla Commissione di Garanzia.
In queste ore corre voce di un possibile slittamento dello sciopero dovuto ad una possibile apertura da parte del governo a convocare nei prossimi giorni le parti per rilanciare la trattativa sul rinnovo del contratto.