AMBIENTE

Parco della Costa Teatina, Ministero preme sulla Regione: «decida cosa fare»

Arriva la bocciatura sul parco a isole

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1684

costa trabocchi trabocchetti
CHIETI. Il Ministero dell’Ambiente ha scritto alla Regione chiedendo di pronunciarsi sulla perimetrazione: conto alla rovescia per l’arrivo di un commissario
Il Parco Nazionale della Costa Teatina è stato istituito con l’articolo 8, comma 3, della Legge n. 93/2001.

 Esiste dunque sulla carta da quella data. Da allora non sono stati sufficienti 11 anni per giungere alla perimetrazione di questa area protetta contro la quale la Regione Abruzzo ha persino presentato un ricorso, perdendolo, alla Corte Costituzionale.
Nel maggio 2010 il Ministero dell’Ambiente ha elaborato una propria proposta di perimetrazione alla quale, di fatto, la Regione Abruzzo non ha dato seguito. A quel punto, di fronte all’immobilismo della Regione, la legge n. 10/2011 aveva fissato al 30 settembre 2011 la data ultima entro la quale istituire il parco. Visti gli ulteriori ritardi accumulati la scadenza è stata posticipata al 31 dicembre 2012. Ma neppure il rischio, ormai imminente, di essere commissariati ha prodotto risultati reali: solo una semplice e poco convincente ipotesi di parco ad isole (le riserve naturali già esistenti) collegate dal tracciato ferroviario.
«Oggi», fa notare il Wwf, «siamo a poco più di due mesi dalla scadenza di fine anno e tutto sembra fermo. Non è stata neppure sufficiente la decisa presa di posizione da parte del direttore generale della Direzione per la Protezione della Natura e del Mare del Ministero dell’Ambiente che recentemente, durante un convegno organizzato a Pescasseroli, ha chiesto pubblicamente all’assessore regionale Giuliante quale fosse l’intenzione della Regione Abruzzo in ordine al Parco».

IL MINISTERO PREME
Ma proprio il Wwf ha scoeprto che circa 10 giorni fa la stessa direzione generale per la Protezione della Natura e del Mare del Ministero ha trasmesso una lettera all’assessorato Pianificazione, tutela e valorizzazione del territorio della Regione nella quale, dopo aver chiarito che la proposizione di un “parco a isole” contrasta con il requisito della continuità territoriale di un’area (essenziale per il raggiungimento del fine della tutela e della conservazione del territorio da proteggere) chiede espressamente alla Regione di pronunciarsi su una perimetrazione allegata alla lettera, basata sulle aree protette già individuate e su reali ambiti di connessione tra di loro.
«Su questa base deve aprirsi il confronto tecnico amministrativo per giungere rapidamente a definire la perimetrazione e dare finalmente il via al Parco della Costa Teatina», sollecitano gli ambientalisti. «In caso contrario l’unica strada sarà davvero il commissariamento, per la prima volta in Italia, con una incredibile pessima figura per le strutture regionali».
«È arrivato il momento – sottolinea il vicepresidente del Wwf Italia Dante Caserta - di dare seguito a precisi obblighi di legge. Si è perso tanto tempo grazie anche all’individuazione, come coordinatore del tavolo tecnico regionale per l’istituzione del Parco, dell’assessore Mauro Febbo al quale va comunque riconosciuta coerenza: è da sempre contrario al Parco e nulla ha fatto per farlo istituire, anzi… La Regione Abruzzo nelle persone del presidente Chiodi e dei consiglieri della maggioranza che lo sostiene vuole continuare sulla strada percorsa fino ad oggi o vuole finalmente invertire la rotta e dare al nostro territorio uno sviluppo sostenibile? Se non lo faranno, qualcun altro lo farà per loro e non sarà una scelta di cui vantarsi di fronte alla stragrande maggioranza degli abruzzesi, da sempre favorevoli al Parco e allo sviluppo sostenibile che accompagna le aree protette».