DOLCI… MOMENTI

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

8652

DOLCI… MOMENTI
LA RICETTA DEL GIORNO. Da dedicare a chi vive un momento speciale o si appresta ad iniziare un percorso di vita insieme.  ricetta molto elaborata… per aspiranti artisti.

INGREDIENTI:

1 Pandispagna rettangolare

1 pandispagna rotondo

crema a piacere per farcire.

Decorazioni:

1)Pasta mashmallow

175gr. caramelle Haribo Mashmallows bianche e rosa

500gr. zucchero velo confezionato e non vanigliato

Cacao q.b.

 

2) Pasta di zucchero

450gr. zucchero a velo

70gr. miele

5gr. gelatina in fogli (2 fogli e mezzo)

30gr. di acqua

16gr. di burro

Coloranti in polvere, in gel o liquidi.

La prima pasta si ottiene dalle caramelle gommose chiamate Haribo che troviamo facilmente in commercio. Per la torta a forma di letto acquistare un sacchetto di quelle bicolori bianche/rosa e dividere con le forbici ogni caramella in modo da separare il bianco dal rosa.

 ESECUZIONE:

sciogliere a bagnomaria le parti bianche delle caramelle con 1 solo cucchiaino di acqua, (attenzione perché alcune ricette che trovate su internet le dosi di acqua sono sbagliate). Spegnere il fuoco ed unire 100 gr. di zucchero a velo girare velocemente con un cucchiaio di legno e versare l'impasto sul tavolo da lavoro spolverato anch'esso con zucchero a velo. Il composto è bollente ed attaccaticcio quindi attenzione, toccarlo con le mani solo quando è tiepido. Impastare aggiungendo di volta in volta ancora zucchero fino a quando diventa un panetto liscio e non più attaccaticcio. Nello stesso modo procedere con le parti rosa. Lasciare raffreddare e conservare in una busta per alimenti o nella pellicola dalle 12 alle 24 ore, mai in frigo. Ad una piccola quantità di pasta bianca aggiungere del cacao in polvere servirà per fare i capelli, per le braccia alla pasta bianca unire un pizzico di pasta rosa e per le testine due nocciole ricoperte di cioccolato bianco.

Stendere con il matterello la pasta rosa spolverando sempre il piano di lavoro con zucchero a velo e ricavare il copriletto come nella foto utilizzando rondelle seghettate, beccucci per i pois e stuzzicadenti per i buchetti. Per le parti merlettate basta stendere la pasta su di un centrino traforato. Per formare la sagoma del corpo ho utilizzato dei biscotti savoiardi, per i guanciali ho ricoperto i savoiardi con la pasta di zucchero.

 ESECUZIONE PASTA DI ZUCCHERO:

in un pentolino fare ammorbidire la colla di pesce nell'acqua, quando avrà assorbito tutta l'acqua unire burro e miele e fare sciogliere a bagnomaria, senza fare mai bollire. Versare il composto in una ciotola in cui è stato messo lo zucchero ed amalgamare fino a formare una palla poi trasferirla sulla spianatoia, spolverizzata con zucchero a velo, ed impastare fino ad ottenere un panetto liscio. Per colorare la pasta si possono adoperare i coloranti in polvere, in gel o liquidi. Per ottenere colori decisi è preferibile adoperare quelli in polvere.

Ottenuti i panetti colorati possiamo sbizzarrirci con la fantasia creando soggetti per ogni circostanza.  Il pandispagna una volta bagnato e farcito va tenuto alcune ore in frigo poi spennellato in superficie con marmellata tiepida e poi rivestito.

 REGOLE GENERALI:

Chi si accinge per la prima volta a questo tipo di preparazione deve inoltre sapere che:

- lo zucchero a velo va acquistato e non frullato in casa e non deve essere vanigliato;

- quando si modella la pasta le mani devono essere sempre spolverate con zucchero a velo;

- durante la lavorazione utilizzare zucchero a velo come se fosse farina;

- la pasta mashmallow va preparata e utilizzata solo 12/24 ore dopo contrariamente alla pasta di zucchero che può essere usata subito;

- va conservata avvolta nella pellicola o in una bustina per alimenti a temperatura ambiente e mai in  frigo;

- le varie parti che compongono l'oggetto si attaccano facilmente tra loro, se l'assemblaggio risulta difficile spennellare con acqua o bianco d'uovo;

- le decorazioni si possono preparare con largo anticipo perché si conservano per diversi giorni (io le conservo in quei contenitori in plastica per torte);

- la pasta non utilizzata si conserva per diverso tempo, se dovesse indurire basta lavorarla con le mani umide.

 Buon appetito, Nellina.