LA RICETTA DEL GIORNO

PIZZA CROCCANTE

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

16240

PIZZA CROCCANTE

Detta anche lingua di suocera. Ottima con salumi e formaggi al posto del pane. 

Si mantiene sempre croccante, se chiusa in contenitori per alimenti o scatole di latta, per più di 10 giorni, ma per la sua bontà sparisce in un baleno.

1 kg. farina 0 o 00
400 gr. acqua
150 gr. olio di semi di arachide
1 cucchiaio di sale (10 gr.)
50 gr. lievito di birra ( 25 gr. in estate o se si lascia lievitare più di 6 ore)

olio extv. da spennellare q.b.

Non è difficile, ma devo dirvi che bisogna avere tempo oltre ad un minimo di abilità e di impegno non tanto per l’impasto quanto per la cottura. La pasta va tirata in strisce sottili ed essendone tante vanno infornate un po’ per volta e basta un minimo di distrazione per bruciarle. Vi consiglio, la prima volta, di dimezzare la dose per valutare sia il tempo da dedicare che le difficoltà da affrontare. Non scoraggiatevi perchè sarete ricompensate dalla soddisfazione del risultato. L’unica nota negativa per chi le prepara, si fa per dire, è che andando a ruba in un momento bisogna pensare subito al prossimo rimpasto. Infatti, ci vuole più tempo nel prepararle che nel consumarle.
Procedere come per l’impasto della pizza e lasciare lievitare.

Per i condimenti è bene adoperare olio extv. di oliva mentre negli impasti tipo: pizza o pizza croccante, focacce, biscotti, ciambelloni preferisco, per non alterarne il gusto, utilizzare l'olio di semi di arachide leggero ed insapore.

Dopo la lievitazione stendere la pasta sottilmente con la macchinetta, detta nonna papera, o con il matterello in tante strisce. Ungere la carta forno con olio extravergine che riveste le teglie ed adagiare le lingue di pasta sottili. Spennellare la superficie con olio extravergine e con la rotella dentellata sezionare a quadrati, senza separare, come i crackers. La pizza croccante può essere aromatizzata a piacere mettendo sopra: origano, paprica forte, semi di finocchietto, rosmarino, cipolla stufata prec, olive nere o bianche, semi di sesamo ecc. oppure inserendo direttamente gli aromi nella pasta lievitata, divisa in porzioni, dopo averli frullati finemente, affinchè non creino intoppi passando nella macchinetta. Infornare, in forno preriscaldato, a 200° per circa 10’.

Questo vi ripeto è il momento più delicato perchè essendo molto sottili basta un attimo in più per annerirle e renderle immangiabili. Dopo averle cotte tutte spezzettare lungo le incisioni e rimettere nel forno caldo ma spento, affinchè diventino croccanti.

Buon appetito, Nellina