Pasticcini di nonna Evelina

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5255

Pasticcini di nonna Evelina
LA RICETTA DEL GIORNO. Buoni e genuini. Oggi ci sono tante pasticcerie ma una volta i dolci si facevano per lo più in casa. In occasione dei nostri compleanni, oltre alla tradizionale torta, questi erano immancabili.
Pasta frolla
250 gr. farina
100 gr. burro o strutto(a temperatura ambiente),
100 gr. zucchero,
2 uova
1 pizzico sale,
buccia gratt. 1 limone.
30 gr. burro (per imburrare gli stampini)
zucchero a velo.

Ripieno
confettura d’amarene (meglio se fatta in casa).
crema pasticcera:
4 tuorli + 45 gr. amido mais + 4,5dl latte + 50 ml panna + 100 gr. zucchero + vaniglia.



Ricordate la regola della pasta frolla? peso zucchero+burro=peso farina.
In questo caso la percentuale di:
- burro è minore perchè non vogliamo che durante la cottura la pasta si spacchi e fuoriesca il ripieno;
- zucchero è minore perchè vogliamo che al palato giunga il piacevole gusto contrastante tra amarena e crema.
Sulla spianatoia mettere la farina a fontana miscelata con lo zucchero ed impastare prima solo con il burro poi unire gli altri ingredienti. Lavorare velocemente fino ad ottenere una pasta liscia e lasciare riposare in frigo 30’. Nel frattempo sciogliere i 30 gr. di burro sul fuoco per pochi secondi e con un pennello prima imburrare gli stampini e dopo cospargerli di farina. Eliminare quella eccedente capovolgendo e sbattendo ogni stampino sul piano di lavoro. Questa operazione è importante perchè se fatta bene non sorgeranno problemi nel togliere i dolcetti dal loro involucro.
Stendere una sfoglia alta 1cm. e foderare con essa i contenitori. Per evitare l’eventuale fuoriuscita del ripieno, all’interno di ognuno versare sul fondo prima uno strato di marmellata di amarene e poi sopra uno di crema pasticcera e non viceversa. La quantità del ripieno dipende dalla grandezza delle formine. Ricoprire con pasta frolla ed eliminare la pasta eccedente dal bordo. Come per i fiadoni, è bene praticare due piccoli buchetti sul dolcetto per far fuoriuscire l’aria durante la cottura. Inf. a 170° per 20’. Toglierli dal forno quando sono dorati ed estrarli dalle formine delicatamente. Servire freddi con una spolverata di zucchero a velo. Si conservano in scatole di latta per 3 o 4 giorni, in inverno anche di più.

Buon appetito, Nellina