LA RICETTA DEL GIORNO

FRITTURA DI PESCE

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5153

FRITTURA DI PESCE
In vacanza in estate girando nelle località di mare, all’ora di pranzo o di cena, si sente nell’aria l’odore inebriante della frittura di pesce che fa venire una voglia irresistibile.

Per 4 persone:
1 kg. frittura mista (gamberi o scampi, calamari, triglie, merluzzi, sogliolette ecc)
½ l. olio di arachide
sale
farina q.b.

Pastella:
farina00 + birra.

Inutile dire che il pesce deve essere freschissimo, gamberi e scampi devono essere profumati e di colore roseo e non bluastro, i pesci devono avere un colore brillante e carni turgide e non molli. A gamberi e scampi eliminare sempre il filetto che hanno sul dorso, che contiene sabbia, staccando e tirando delicatamente l’estremità della coda o sfilandolo dal dorso con uno stuzzicadenti. I calamari vanno sventrati, spellati e tagliati ad anelli. I pesci vanno sventrati, eventualmente squamati, senza eliminare la testa. Fatta questa operazione e dopo aver sciacquato abbondantemente mettere il tutto in un colapasta, senza aggiungere sale. La frittura può a questo punto essere semplicemente infarinata e fritta o se si vuole più croccante passarla in una pastella fatta con farina e birra in questa proporzione: 1 cucchiaio di farina + 2 cucchiai di birra. La frittura va sempre cotta in olio profondo quindi preparare una padella con abbondante olio e metterla sul fuoco. Il pesce deve essere immerso nell’olio caldo e per controllare la temperatura è bene inserire la punta di uno spiedino di legno nell’olio, se intorno si creano delle bollicine è pronto per friggere. Per non fare scendere la temperatura dell’olio meglio cuocere piccole quantità per volta.  La frittura va cotta a fuoco vivace e dorata in ogni sua parte, va tolta dall’olio con una schiumarola e poggiata su carta assorbente, va servita caldissima e salata al momento di portarla in tavola. Sulla frittura non va mai messo il limone. Se metto la fettina di limone accanto alla frittura consiglio ai miei ospiti di mangiarla alla fine per pulire e sgrassare la bocca. Per renderla più sfiziosa decorare con un ciuffo di carote e zucchine croccanti tagliate a julienne passate nella stessa pastella e fritte.

Buon appetito, Nellina.