LA RICETTA DEL GIORNO

FERRATELLE E NEVOLE (NEOLE)

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

23651

FERRATELLE E NEVOLE (NEOLE)

Questi dolci sono nati nelle ricche e nobili famiglie abruzzesi che li cuocevano nei cosiddetti “ferri” (da cui il nome ferratelle) arnese caratteristico formato da due piastre e due lunghi manici a tenaglia.

 Li personalizzavano facendoli forgiare con lo stemma del loro casato e le loro iniziali.
Somigliano alle cialde e possono essere sottili e croccanti o più spesse e morbide, dipende dalle scanalature della piastra più o meno profonde.
Le Nevole (o neole) dal latino Nebule (sfoglie sottili) sono simili alle ferratelle ma senza uova.


FERRATELLE

Ingredienti:
4 uova
4 cucchiai zucchero
4 cucchiai di olio
buccia limone gratt.
cannella o semi d’anice
mosto cotto o rum
farina quanto basta.

NEVOLE

Ingredienti
2 bicchieri di liquori misti
(mosto cotto, rum, marsala, limoncello.)
1 bicchiere d’olio
5 cucchiai zucchero
1 stecca frullata di cannella
farina q.b.


N.B.: con queste due ricette si ottiene il tipo croccante per quelle morbide aggiungere all’impasto scelto una bustina di lievito per dolci.

Scegliere il tipo d’impasto ed amalgamare gli ingredienti con la farina necessaria fino ad ottenere un composto consistente come quello della pasta frolla. Ricavare tante palline grandi come una noce. Porre l’attrezzo sul fuoco a scaldare ungendolo bene con olio o burro. Quando è caldo inserire una pallina richiudere l’attrezzo facendo combaciare le piastre. Cuocere prima da un lato poi dall’altro per circa 2’, quando non esce vapore dal ferro sono cotte. Si dice che una volta calcolavano il tempo di cottura recitando l’Ave Maria, fino a metà preghiera da un lato poi giravano il ferro ed al termine della preghiera erano cotte al punto giusto. Procedere così fino alla fine senza scoraggiarvi se le prime non vengono perfette, capita a tutti. E’ importante ungere ogni tanto le piastre. Quando le ferratelle sono calde si possono arrotolare formando dei cannoli da utilizzare per guarnire coppe di gelato o da farcire con panna e cioccolato. Si possono accoppiare mettendo al centro marmellata d’uva, miele, crema o da servire semplici senza farcire.
Buon appetito, Nellina.