LA RICETTA DEL GIORNO

PARMIGIANA DI MELANZANE.

LA RICETTA DEL GIORNO. Piatto sempre graditissimo.

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5346

PARMIGIANA DI MELANZANE.
Per apprezzarne pienamente la sua bontà, dopo la cottura, lasciarla riposare alcune ore.
1 kg melanzane
1 kg pomodori freschi maturi
Aglio
2 cucchiai olio extv.
basilico
parmigiano gratt.
4 uova
100 gr. farina
2 scamorze appassite affumicate

olio extv. o di arachide per friggere

Un suggerimento utile che voglio darvi per un’eccellente riuscita di questo piatto è di preferire l’utilizzo della scamorza appassita al posto della mozzarella, che in cottura rilascerebbe troppa acqua. La scelta delle melanzane dipende dai vostri gusti, le tonde hanno un sapore più dolce rispetto alle violette di Napoli, lunghe e sottili, che sono un po’ piccanti. Per pelare velocemente i pomodori praticare con il coltello un’incisione a croce sulla buccia e tuffarli in acqua bollente per 3’. Scolare ed a caldo, eliminare la pelle che si staccherà facilmente. In un tegame soffriggere 2 cucchiai d’olio extra vergine con aglio e basilico, unire i pomodori a tocchetti e lasciare cuocere il sugo per 10’. In un colapasta mettere le melanzane tagliate a fette lunghe con la buccia, salare e lasciare 1 ora a perdere l’acqua amarognola di vegetazione. Sciacquare velocemente sotto l’acqua corrente e strizzare bene. Mettere sul fuoco una padella con abbondante olio extra vergine di oliva o di arachide. Passare ogni fetta di melanzana prima nella farina e poi nell’uovo sbattuto e tuffarle poche per volta nell’olio caldo, ma mai fumante. Man mano che friggono poggiarle su carta assorbente a perdere l’unto. In una pirofila mettere sul fondo uno strato di sugo poi alternare uno strato di melanzane, uno di scamorza, basilico, parmigiano e sugo. Così fino ad esaurire tutti gli ingredienti. Terminare coprendo con sugo e parmigiano. E’ preferibile non mettere in superficie il basilico che in cottura si brucerebbe facilmente. Inf. 180° per 20’. Si serve sia calda che fredda.
Buon appetito, Nellina.