Cozze a gratin

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3863

Cozze a gratin
LA RICETTA DEL GIORNO. Il sapore ed il profumo del mare sono in questa vera golosità. Semplice da preparare. Le cozze ovviamente devono essere freschissime.
Per 4 persone:
1,5 kg. cozze
200 gr. pane raffermo,
aglio, origano,
prezzemolo, pepe
2 limoni
olio extv.

 Pulire bene le cozze raschiare esternamente le valve e lavare ripetutamente in acqua corrente. Aprire con un coltellino ogni cozza a crudo infilando la lama lateralmente e raccogliendo il liquido che fuoriesce in una ciotola. Il procedimento per un risultato eccellente è questo, ma se volete un metodo più sbrigativo mettere le cozze in una pentola capiente direttamente sul fuoco per pochi minuti in modo che si aprano da sole. Scegliere le dimensioni di una teglia che possa contenere le cozze in un unico strato. Ungerla d’olio sistemare sul fondo la valva dove è attaccata la cozza (eliminando il baffo di stoppa) e staccare quella vuota tenendola da parte. Vi dirò nei consigli come utilizzarle. Bagnare e strizzare il pane, condirlo con olio, aglio e prezzemolo tritati, origano e pepe. Niente sale. Cospargere questo composto sulle cozze. Irrorare il tutto con mezzo bicchiere di acqua delle cozze, filtrata, emulsionata con un cucchiaio di olio ed il succo di un limone. Tenere in frigo se preparate in anticipo tenendo presente che vanno servite calde. Inf.200° x 20’. Guarnire il piatto con spicchio di limone e spolveratina di pepe macinato al momento.

Due consigli:
1) Le valve delle cozze tenute da parte, conservate in un sacchetto per alimenti, le possiamo utilizzare la volta successiva per velocizzare la preparazione di questo piatto. Senza stare a raschiare le cozze le apriamo e ne estraiamo il mollusco .
2) l’acqua delle cozze che avanza non buttatela via, ma mettetela in vaschette di ghiaccio a congelare e poi trasferite i cubetti in bustine per evitare troppo ingombro nel freezer. Vi saranno utili da inserire nelle pietanze o sughi a base di pesce al posto del sale.

Buon appetito, Nellina