Cicerchiata, quando i ceci si trasformano in dessert

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5193

Cicerchiata, quando i ceci si trasformano in dessert
LA RICETTA DEL GIORNO. Non si può festeggiare il carnevale senza questo dolce allegro e colorato.E’ formato da tante palline grandi come un cece da cui ne deriva il nome.
500 gr. farina 00
4 cucchiai d’olio
4 cucchiai di zucchero
1 pizzico di sale
4 uova intere
scorza di limone grattugiata, liquore all’anice, 1 busta di vanillina.
250 gr. miele
Per decorare confettini colorati, perline argentate, cannellini, canditi, nocciole tostate.

Sulla spianatoia mescolare farina e zucchero, al centro fare una specie di cratere in cui inserire le uova. Amalgamare gli ingredienti, versare l'olio e lavorare l'impasto fino a che non sarà liscio e compatto. Lasciare riposare 30’. Stendere la pasta con il matterello fino all’altezza di 1 cm. e ricavare con la rondella tante strisce di 1 cm di larghezza. Da ogni striscia ottenere tanti cordoni tondi e lunghi da tagliare a tocchetti piccoli in modo da avere tante palline grandi come un cece, da cui il nome cicerchiata. Friggere in olio caldo e profondo in una pentola dal bordo alto, perchè fanno molta schiuma, e girare continuamente con la schiumarola per dorarli uniformemente. Mettere a sgocciolare su carta assorbente. Sciogliere a fuoco lento del miele in un tegame, unire gli struffoli ed amalgamare delicatamente per ricoprirli. Versare a corona in un vassoio e decorare con confettini colorati, nocciole tostate, cedro candito e cannellini.

Buon appetito, Nellina