martedì 21 ottobre 2014

visite:

151.680.844

AGRICOLTURA

Il comparto agricolo aquilano sempre più in crisi

Settore strozzato tra emorragia di imprese e mancati aiuti

Il comparto agricolo aquilano sempre più in crisi
L’AQUILA. Le difficoltà di mercato, il progressivo aumento dei costi di produzione e la stretta creditizia continuano a ripercuotersi in maniera grave sul comparto agricolo aquilano.

Il settore perde altre imprese e guarda al futuro con inevitabile pessimismo. Secondo gli ultimi dati di Unioncamere, nel primo trimestre di quest’anno a chiudere i battenti sono state 185 imprese agricole: a marzo le imprese attive ammontano infatti a 4.317 contro le 4.502 dello stesso periodo del 2011. È quanto sostiene la Coldiretti L’Aquila sottolineando tra le cause non solo il crollo in campagna delle quotazioni dei prodotti base, del calo delle produzioni vegetali e dell’insostenibile aumento dei costi, a partire dal gasolio rincarato del 44%, ma anche e soprattutto dei forti ritardi patiti dalle imprese nell'erogazione degli aiuti previsti dal Piano di Sviluppo Rurale e dalla Politica Agricola Comune.
«Malgrado il comparto agricolo aquilano abbia fatto sentire il proprio malcontento nella recente manifestazione davanti alla sede dell’Agea – l’Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura – ha spiegato il presidente della Coldiretti provinciale Salvatore Di Benedetto – numerose pratiche sui contributi risultano ancora bloccate, senza trascurare che non è stata ancora corrisposta la maggior parte gli aiuti previsti dalle Misure Agro-ambientali relative agli anni 2010 e 2011. Nel contempo anche le prospettive per l’anno in corso sono buie considerando che si prospetta una mancata apertura dei termini di presentazione delle domande relative alle Misure 211 e 212 del PSR, situazione che è già stata contestata ufficialmente con un comunicato unitario delle Associazioni Agricole». Si tratta di una forte penalizzazione in un’area già depressa e in cui il sostegno produttivo e ambientale è indispensabile per la sopravvivenza di un comparto che possiede l’insostituibile funzione di garantire e preservare ambiente e territorio, prevenire dissesti idrogeologici e garantire produzioni di qualità.
A tutto ciò si aggiunge che a distanza di tre anni dal sisma le imprese agricole del cratere non hanno alcuna certezza sul risarcimento dei danni subiti, malgrado la richiesta di stanziamento di fondi fatta pervenire con le istanze del Patto per lo Sviluppo al Ministro per la Coesione territoriale Fabrizio Barca. «Tutti i settori economici sono stati oggetto di risarcimento, ma le imprese del settore agricolo sembrano aver fatto eccezione – spiega Raffaello betti, direttore della Coldiretti L’Aquila - la misura 126 del PSR per il risarcimento dei danni del terremoto del 2009 alle imprese agricole ha infatti lasciato senza risarcimenti il 70% delle aziende per mancanza dei fondi».
Se la crisi ha colpito l’economia in generale le imprese agricole aquilane stanno vivendo il momento più difficile e se molte imprese hanno chiuso i battenti, sono in crescita quelle in sofferenza nel far fronte ai debiti pregressi, mentre si è fatta sempre più drammatica la stretta creditizia che fa venire meno la possibilità di garantire liquidità: sei imprese agricole su dieci hanno difficoltà ad accedere al credito, con il costo del denaro in agricoltura che ha raggiunto il 6% e risulta superiore del 30% a quello medio del settore industriale.

Letture

2699

24/04/2012 - 16:02

La Redazione

Tel: 328 329 0550

Fax: 06 233 125 63

Skype: Donlisander