LA DENUNCIA

Via Caduti per Servizio, «spaccio e combattimenti di cani nel parchetto pubblico»

La denuncia di Massimiliano Di Pillo (M5S)

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

530

PESCARA. Prosegue l’attività di monitoraggio e segnalazione di situazioni di emergenza da parte del consigliere comunale del M5S Massimiliano Di Pillo.

Oggetto di attenzione e di denuncia questa volta è il degrado in cui versa uno dei parchi cittadini, quello di Fontanelle, che dovrebbe essere luogo di giochi e svago per i bambini della zona e che invece è diventato terra di attività illecite, spaccio di droga, dove la malavita fa da padrona assoluta, mettendo a serio rischio la sicurezza dei cittadini.

«Nel parco – afferma il pentastellato Di Pillo - i bambini trovano i giochi tutti rotti da tempo e mai riparati o sostituiti. In compenso troviamo una serie di situazioni di illegalità che non hanno nulla da invidiare alle peggiori periferie italiane, ed in particolare la recinzione divelta in più punti per entrare comodamente nelle ore notturne, la presenza costante di spacciatori, tossicodipendenti e cani di grossa taglia molto pericolosi lasciati liberi nel parco, e molte volte pronti al combattimento e a relative scommesse clandestine. Possibile che non si possa fare nulla per garantire la sicurezza dei cittadini?»

Questa situazione è stata più volte denunciata fin dal 2015, dall’unico agente di Polizia Municipale che tre volte la settimana da solo effettua controlli nel quartiere. L’agente ha inviato ben tre comunicazioni a sindaco, assessori, presidente della Commissione Consiliare e comando di Polizia Municipale. «A che servono questi controlli se una volta segnalato il degrado e la pericolosità della situazione, l’amministrazione fa orecchie da mercante e non prende seri provvedimenti per risolvere il problema?» chiede Di Pillo.

«Inoltre - prosegue Massimiliano Di Pillo - nel quartiere di Fontanelle c’è un palazzetto dello Sport ultimato ormai da mesi ma inutilizzato, poiché il Comune non ne ha ancora assegnata la gestione, con il concreto rischio che la struttura, invece di contribuire significativamente alla valorizzazione del quartiere, diventi anche questa terreno di atti vandalici e furto di materiali. Ed ancora, sono stati annunciati sui media finanziamenti per 22 parchi cittadini, ma nulla per quello di Via Caduti per Servizio».


Nei programmi di centrodestra e di centrosinistra nell’ultima campagna elettorale era evidenziato il risanamento delle periferie con la valorizzazione degli impianti sportivi, attività culturali e progetti di socializzazione. «Che fine hanno fatto questi buoni propositi? L’amministrazione Alessandrini come al solito, resta a guardare», chiude Di Pillo.