LAVORI PUBBLICI

Ortona, mercato coperto consegnati i lavori ma il Pd rivendica i meriti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

187

ORTONA. Ieri mattina il Comune di Ortona ha consegnato i lavori di riqualificazione del Mercato Coperto alla ditta RCM  ( Ristrutturazioni Costruzioni Menditto) di Bari.

I lavori, per un totale di 310 mila euro finanziati dall’amministrazione precedente con un mutuo della Cassa Depositi e Prestiti, riguarderanno la rimozione della copertura in eternit dello stabile, la sostituzione degli infissi, la demolizione e sostituzione dell’intera pavimentazione all’interno dell’area vendita del mercato coperto, oltre alla riqualificazione di alcune zone del solaio, la tinteggiatura, l’impianto elettrico e la sostituzione dei portelloni d’ingresso con porte a vetro elettriche.

La riconsegna dei lavori da contratto è fissata tra 180 giorni anche se il sindaco Leo Castiglione incontrando i titolari della RCM ha spiegato la necessità di avere al più presto lo stabile al fine di consentire ai venditori di rientrarvi e avere così di nuovo un luogo dignitoso in cui lavorare.

Il sindaco ha convocato anche un incontro con i venditori del mercato coperto per spiegare loro lo stato dell’arte e capire quali sono le criticità maggiori in questo momento. Nell’incontro oltre a informare dei lavori ha anche ipotizzato una possibile soluzione temporanea che porterebbe tutti i venditori in un luogo chiuso nel centro cittadino, viste le trattative in corso con la proprietà dell’immobile, il sindaco Castiglione ha chiesto ai venditori di pazientare ancora qualche giorno pur comprendendo le difficoltà con cui gli ambulanti si trovano a dover combattere quotidianamente.

«I venditori del mercato coperto sono ovviamente stressati- spiega il sindaco Leo Castiglione- perché in questi mesi sono stati sballottati in diverse postazioni, noi abbiamo cercato subito di attivarci per trovare una possibile soluzione e tra qualche giorno sapremo se la trattativa per la locazione di un immobile andrà a buon fine, altrimenti abbiamo già un’idea alternativa in attesa della restituzione del mercato».

 


Domenico De Iure ex Assessore ai lavori Pubblici ci tiene a ricordare tutti i passaggi amministrativi.

Con determina dirigenziale del settore tecnico n. 246 del 12 luglio 2016 è stato affidato l’incarico all’arch. Luigi Di Matteo per la redazione del progetto per la messa in sicurezza e per il recupero igienico sanitario della struttura.

Il progetto definitivo redatto dal professionista incaricato dal costo di 310.000 Euro è stato approvato dalla Giunta Comunale con delibera n. 238 del 6 settembre 2016.

In data 12 ottobre 2016, su richiesta del Comune, la Cassa Depositi e Prestiti ha autorizzato un diverso utilizzo di residui di mutuo contratti in precedenza, per la copertura della spesa necessaria.

In data 13 dicembre 2016 il dirigente del settore tecnico, con determina n. 500, ha approvato il progetto esecutivo necessario per indire la gara di appalto. In data 24 gennaio 2017 è stato emanato l’avviso pubblico attraverso il quale le ditte interessate hanno chiesto di essere invitate alla gara di appalto per l’affidamento dei lavori.

Alla scadenza del termine fissato dall’avviso, 12 Febbraio 2017, ben 639 imprese hanno presentato domanda di partecipazione alla gara di appalto.

In data 28 Marzo 2017, come per legge, sono state sorteggiate dieci ditte da invitare per la gara di appalto. In data 10 Aprile 2017 tutto il faldone è stato inviato alla CUC di Lanciano(Centro Unico di committenza) di cui Ortona fa parte, che ha provveduto ad invitare le dieci ditte precedentemente sorteggiate fissando il termine per il ricevimento delle offerte al 2 Maggio 2017. Inoltre è stato fissato per il giorno 3 Maggio 2017 l’apertura delle buste contenente le offerte per l’aggiudicazione dell’appalto dei lavori che, secondo quanto previsto nel capitolato, devono essere eseguiti entro 180 giorni.

«Finalmente,dopo il lungo lavoro preparatorio», dichiara il sen. Tommaso Coletti, «l’amministrazione guidata da Leo Castiglione appena insediatasi, ha potuto consegnare i lavori per dare una risposta immediata sia agli operatori che agli utenti che in questo periodo sono sballottati da una parte all’altra».