VISIONI DAL FUTURO

Palazzo Sirena, il Comune avvia la campagna comunicativa

Ecco come sarà la piazza (forse)

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

596

FRANCAVILLA AL MARE. Il pressing istituzionale sul restyling del palazzo Sirena continua. Oggi è iniziata la distribuzione di "piazza Sirena", un opuscolo esplicativo del progetto di riqualificazione del centro cittadino.

Si tratta di un'iniziativa di comunicazione istituzionale, una brochure di 15 pagine arricchite da alcune immagini reali ed alcune ideali, distribuita nei principali punti di aggregazione cittadini come bar, negozi, palestre e così via. «Qualcuno tenta di banalizzare l'intervento parlando solo dell'abbattimento del Palazzo Sirena», commenta il sindaco Antonio Luciani, «operazione che rientra invece in un disegno ben più ampio e approfondito. Siamo a una svolta importante, una tappa fondamentale del percorso di rilancio che abbiamo già intrapreso da qualche anno ed è per questo che ci sono sembrate giuste la massima diffusione e condivisione delle nostre idee».

L’intervento è molto sentito in città e divide contrapponendo i fedelissimi di Luciani a chi invece è contrario in blocchi spesso monolitici e spesso coincidenti ai vari partiti politici.

L’idea dell’amministrazione è quella di ridurre i volumi della parte più vecchia del palazzo nell’ottica di «una riqualificazione dello spazio che vada a creare una vera piazza pedonale, con al centro una struttura  che ambisca, in dialogo con il Museo Michetti, a diventare il simbolo culturale della città e il centro di aggregazione della  comunità».

«Oggi c’è chi vorrebbe sostenere  la validità di questo palazzo ricordando tempi che non ci sono più», ha detto il sindaco, «iI cittadini, però, non possono fare a meno di notare che attualmente abbiamo due strutture accostate l’una all’altra senza criterio alcuno, delle quali una rappresenta una questione da 30 anni mai affrontata. Noi la vogliamo affrontare e risolvere non con il semplice abbattimento,  ma rivalutando l’intera zona del centro cittadino da via Spalato a via Riccione, e quindi pianificando la riqualificazione dell’intero centro della marina. Diecimila francavillesi il Palazzo Sirena non l’hanno mai visto aperto. Sono i cittadini da 0 a 30 anni, che hanno di quel palazzo soltanto un ricordo di degrado. In un mondo che corre a mille all’ora, non possiamo più permetterci di aspettare. Dobbiamo procedere, decidere, stare al passo. L’alternativa sarebbe quella di affidare la gestione economica dell’edificio,  e quindi accettare l’idea che Palazzo Sirena  diventi un supermercato di tre piani nel centro cittadino. Non è questa l’idea della città che abbiamo,  dobbiamo lasciare ai nostri figli una città bella, accogliente e funzionale».

Per quanto riguarda i rendering, che pubblichiamo il sindaco chiarisce «essi hanno il solo scopo di fornire un'idea degli spazi. Per la reale progettazione della piazza e del portale, l'Amministrazione è aperta alle idee di tutti».

Come dire che l’abbattimento è deciso tutto il resto rimane ancora molto sfuocato.

E la battaglia tra “conservatori” (del palazzo) e “riformisti” (della piazza) continua.