ISTRUZIONE

Protesta degli studenti davanti al De Cecco di Pescara: «troppo degrado»

«Degrado strutturale della scuola e di assurda indifferenza da parte delle istituzioni».

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

188


PESCARA. Questa mattina gli studenti del "De Cecco" si sono mobilitati con un sit-in per denunciare le «gravi condizioni strutturali della scuola e l'assenza ingiustificata delle istituzioni che nulla hanno fatto per porre rimedio immediato a problematiche ormai note a tutti da anni».

I numerosi ragazzi si sono radunati all'ingresso con 2 striscioni che recitavano "Meno Promesse, più sicurezze !" e "Pericoli,Degrado e Fatiscenza... stanchi della vostra indifferenza !" esponendo così il loro punto di vista su una situazione ormai intollerabile.


«Sono ormai giorni che gli studenti cercano risposte. - afferma in una nota Giacomo Di Michele militante del Blocco Studentesco e rappresentante d'Istituto del "De cecco" - Le condizioni dell'edificio di via italica in cui quotidianamente passiamo ore ed ore della nostra vita sono vergognose:muri crepati, aule senza porte, perdite costanti dalle tubature che si riversano nelle aule.  Questo è quello che siamo costretti a vivere quotidianamente».

«Abbiamo più volte sollecitato  la Provincia e le istituzioni in passato», aggiunge, «ma ci sono stati rivolti solo proclami e parole vuote, non dimentichiamo ciò che accadde qui 2 anni fa quando un pezzo di solaio cadde in testa a un nostro studente causando un polverone mediatico nazionale che però non ha portato ad alcun miglioramento.  Come se non bastesse dobbiamo anche fare i conti con un dirigente scolastico che rifiuta il confronto con i suoi stessi studenti,abbiamo chiesto di avere dei giorni di autogestione per poter discutere anche di queste problematiche portando un centinaio di studenti ad occupare l'atrio dell'istituto e la sua risposta è stata una presa in giro dato che ogni spazio di discussione ci è stato negato.  Per questo abbiamo deciso di passare all'azione e farci sentire mobilitandoci e saremo pronti a farlo ogni giorno finchè non verremo ascoltati».


«Ancora una volta il Blocco Studentesco si è dimostrato un punto di riferimento per gli studenti del "De Cecco" e di tutte le scuole Pescaresi. - dichiara Alfredo Mangia responsabile Pescarese del Blocco Studentesco - Studenti che vengono costantemente ignorati e abbandonati in scuole fatiscenti che cadono a pezzi mentre le istituzioni e i dirigenti scolastici sono troppo distratti per preoccuparsi della sicurezza dei propri giovani.  Non accetteremo mai che i ragazzi vengano ignorati e saremo pronti a difenderne la dignità ogni qualvolta sarà necessario».

Dopo il sit-in di questa mattina gli studenti del "De Cecco" ,che hanno partecipato alla mobilitazione, sono stati chiusi fuori dall'istituto per volontà del Dirigente Scolastico, il quale ha impedito ai ragazzi di esercitare un diritto costituzionalmente garantito.