IN TEMPO REALE

Allerta meteo Abruzzo. Primi allagamenti e neve in collina: per ora disagi contenuti  

A Pescara fiume fuori dagli argini. Si pensa di far sgomberare Villaggio Alcione

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

18812

 

ABRUZZO. Come previsto la pioggia è caduta abbondante. In molte zone della nostra regione  le precipitazioni sono andate avanti per tutta la notte e già in collina si è avvistato il nevischio mentre oltre gli 800 metri la neve è scesa più copiosa. Oltre 10 centimetri di coltre bianca a Campo Imperatore e Prati di Tivo.

Per il resto si registrano molti allagamenti e smottamenti con lievi disagi alla circolazione stradale per ora.

 

LA SITUAZIONE ALLE ORE 7

A Chieti sono stati segnalati smottamenti di non rilevante entità, danni alla pubblica illuminazione a causa della caduta di un albero. Il Coc è attivo e le scuole di ogni ordine e grado (compresa l’Università) rimarranno chiuse.

 

A Montesilvano alcune traverse a mare sono da ore impraticabili. Al fine di consentire l'azionamento delle pompe idrovore è stato interdetto al traffico il tratto di lungomare compreso tra via Marinelli e viale Europa. Al momento le pompe sono in funzione, oltre che in via Calabria e via Piemonte, anche nel sottopasso di viale Europa, chiuso al traffico, così come quello di via De Gasperi. Altre due idrovore sono in arrivo da L'Aquila e verranno posizionate a breve dove la criticità risulterà maggiore. Scuole chiuse.

 

A Francavilla nella notte sono stati chiusi diversi sottopassi che hanno diviso in due la città. Alcuni sono già stati riaperti e la situazione al momento sembra sotto controllo. Scuole aperte.

 

Molti fiumi stanno raggiungendo il livello di guardia ma per ora non si segnalano straripamenti o danni di particolare rilievo.


 

A PESCARA ALLARME FIUME

Già prima dell’alba il fiume Pescara è uscito fuori dagli argini: per decenni non era più successo mentre negli ultimi tre anni è accaduto più volte.

Secondo l’assessore Antonio Blasioli «sarà una giornata durissima» Si sta pensando persino di far sgomberare le famiglie di Villaggio Alcione e portarle al palazzetto come era già accaduto lo scorso anno.

Pronti gli autobus di Tua per il loro trasporto.

Il Coc ha lavorato tutta la notte e semper secondo Blasioli «contro questa mole di precipitazioni non si poteva fare proprio nulla di più dell'ottimo lavoro svolto. Mi vorrei togliere qualche sassolino con chi ci parlava di esagerazioni ma credo che non sia il momento delle polemiche ma quello del lavoro, da fare tutti assieme»

 

Ad Ortona vi è piccola frana che ostruisce il passaggio agli autoveicoli lungo la strada Provinciale da Tollo per Villagrande poco prima del bivio per Casino Vezzani. Attualmente vi è un cambio è un autobus fermi.

Si invitano gli automobilisti a non utilizzare il tracciato prima della riapertura della strada.

I nostri volontari della Protezione Civile sono sul posto in attesa dell’intervento della Provincia o dei Vigili de Fuoco.

 




A Teramo la frazione di Garrano è di nuovo alla presa con i disagi dovuti alla mancanza di energia elettrica, il copione sembra lo stesso dello scorso anno: l'elettricità manca nei momenti in cui se ne ha più bisogno. «Sono già due notti», dice Vincenzo Flamminj, «i residenti sono già esasperati in quanto, dopo il disastro dello scorso anno, pensavano che certamente si sarebbe corso ai ripari. Invece ci si ritrova di sera senza riscaldamento a cenare al buio, e con l'ulteriore preoccupazione che gli sbalzi di corrente possano danneggiare gli apparecchi elettronici. Pare inutile dire che tutto ciò è assurdo».




SITUAZIONE ORE 9

A Pescara il fiume è rientrato negli argini.  Il Coc ha lavorato tutta la notte per affrontare l'allerta che si è rivelata davvero importante per via della pioggia caduta stanotte. La situazione del fiume Pescara al momento è tranquilla, è rientrato negli argini da cui era uscito ma senza causare particolari problemi, si registrano danni a qualche barca.

La situazione strade: si circola in tutta la zona a nord del fiume, su via Umbria si lavora per regolarizzare il transito.

A sud del fiume problemi per via Falcone e Borsellino, via Spaventa e via Celommi (su queste ci sono imprese che lavorano con idrovore). Si sta risolvendo la circolazione su Via Marconi/via Pepe, via Musone, a San Donato, è purtroppo chiusa.

Fosso Vallelunga è sotto il livello di guardia, ma a titolo precauzionale, per la mole di precipitazioni avute nella notte è stato messo a disposizione il palazzetto dello sport e il servizio di TUA per condurvi famiglie e residenti intorno al canale nel caso dovesse riprendere a piovere e la situazione dovesse cambiare.

 

Nella zona di Chieti sono gli allagamenti di scantinati, garage e taverne le principali emergenze nel Chietino a causa delle forti piogge. I vigili del fuoco del comando provinciale di Chieti dalla scorsa notte hanno risposto ad una cinquantina di richieste di intervento.

In particolare intorno alle 3.30 sono stati tratti in salvo due cittadini cinesi che erano rimasti intrappolati con l'auto in un sottopasso a Sambuceto di San Giovanni Teatino, dove il sindaco, Luciano Marinucci, fin dalle 21 di ieri aveva disposto la chiusura dei sottopassi e delle scuole.

In quest'ultimo Comune, lo straripamento di un canalone in via Dragonara ha allagato il pian terreno e i seminterrati di diverse abitazioni. Scantinati e garage allagati anche a Francavilla al Mare e a Chieti Scalo.

Per quanto riguarda Chieti problemi in via per Popoli dove c’è stato uno smottamento consistente.

Nella zona Buonconsiglio di Chieti il fiume Alento è a rischio esondazione. Una casa isolata in contrada Feudo e collegata da un ponte che è al momento impraticabile.

Uno smottamento si è verificato anche in contrada Feudo nel Comune di Bucchianico.

Problemi vengono segnalati anche a Silvi dove una frana sembra abbia creato problemi al belvedere. Molti problemi anche a Silvi Marina dove fiumi di fango hanno invaso case e strade. In molti punti l'acqua ha superato i 30 centimetri e provocato piccoli smottamenti. Alcuni sottopassi sono impraticabili.



 

SITUAZIONE ORE 10

L’Anas comunica che, a seguito di uno smottamento proveniente da una scarpata adiacente al piano viabile è stato provvisoriamente chiuso al traffico, in entrambe le direzioni, un tratto della strada statale 81 'Piceno Aprutina' nel territorio comunale di Cellino Attanasio in  provincia di Teramo.

A Penne alle 5 di questa mattina è stato evacuato un appartamento allagato situato in contrada Santo Spirito, dopo l'intervento degli uomini dei vigili del fuoco e del comando di polizia municipale che hanno messo in salvo gli occupanti della casa.

Problemi anche nel centro storico di Penne, in particolare nella zona di Santa Croce, dove alcuni scantinati sono stati allagati dall'acqua. Per quanto riguarda la viabilità, su alcuni tratti di strade di campagna, sono stati segnalati smottamenti e piccoli cedimenti del terreno. Il sindaco di Penne, Mario Semproni, ieri sera alle 20 aveva attivato il Centro operativo comunale per gestire l'attività di emergenza.

Grossi problemi sono segnalati dai residenti nella zona della Statale 30 provincia di Teramo, strada che congiunge Atri a Silvi consentendo agli abitanti delle frazioni di raggiungere l'adriatica.

La circolazione è molto difficile ed in alcuni punti impossibile.

A Pescara sott'acqua ancora una volta tutta la zona di Porta nuova nonostante i tanti lavori fatti anche nel recentisismo passato.
In via Pollione residenti bloccati  e allagati anche loro ricordano i lavori fatti a Fosso Bardet e si domandano a cosa siano mai serviti se l'acqua oggi supera i 30 centimetri. 

ORE 12

Nella provincia di Teramo la situazione è molto delicata in diverse zone.

Nel corso della notte sono stati effettuati da parte dei vigili del fuoco di Teramo complessivamente 12 interventi, soprattutto nei comuni costieri e in particolare in quelli posti a sud della provincia teramana. Principalmente gli interventi sono stati effettuati per il prosciugamento di scantinati ed autorimesse e per il danneggiamento di edifici a causa di infiltrazione di acqua piovana, com'è avvenuto nel Distretto Sanitario di Base di Villa Rosa di Martinsicuro, dove le abbondanti infiltrazioni d'acqua hanno causato la caduta di circa 300 metri quadrati di controsoffitto, rendendo necessario la disattivazione dell'impianto elettrico e lo sgombero della struttura sanitaria.

Nel corso della mattinata sono stati effettuati 13 interventi, concentrati, in prevalenza, nella zona sud della costa e nei comuni della vallata del Vomano.

La SS81, in località Feudi di Cellino Attanasio, è stata interessata da due frane, che hanno bloccato un'autovettura con una donna all'interno.

Una squadra dei vigile del fuoco di Teramo è intervenuto sul posto e ha soccorso la persona all'interno dell'auto.

 

Un'altra frana, che si è staccata in località Sciarra di Atri, ha  reso necessaria l'evacuazione di una persona portatrice di handicap che abita in un edificio minacciato dalla frana stessa.

Al momento, tutti i vigili del fuoco di Teramo del turno di servizio e del turno smontante, che è trattenuto in servizio per incrementare il contingente operativo, è impegnato ad effettuare interventi di prosciugamento di scantinati e di locali interrati con l'impiego di pompe idrovore.

Alle ore 12.30 risultavano chiuse, per smottamenti e frane di versante, la provinciale 27 (Casoli) e 27/A (Stampalone) fra Pineto e Atri, chiuso anche il sottopasso sotto la a/14, sul posto ci sono gli operai che stanno lavorando per consentirne la riapertura. La Provincia siede al tavolo della sala operativa che a scopo precauzionale è stata aperta in Prefettura e dove confluiscono le informazioni, i dati e le attività di tutto il territorio provinciale.



ALLERTA VERSO LA FINE

Da rosso ad arancione e giallo.

Dalla mezzanotte di oggi, 15 novembre e per le successive 24 ore il Centro Operativo Funzionale della Protezione Civile regionale ha dichiarato lo stato di Criticità Moderata ("Codice Arancione") per rischio idraulico diffuso sui Bacini "Tordino-Vomano", del Pescara, "Alto Sangro" e Basso Sangro". Lo rende noto il sottosegretario alla Presidenza della Regione con delega alla Protezione Civile, Mario Mazzocca. Sempre per la giornata di domani 16 novembre è previsto lo stato di Criticità Ordinaria ("Codice Giallo") per rischio idrogeologico localizzato sulle zone di allerta del Bacino dell'Aterno e della Marsica.

 

CHIUSA A14

Problemi in Abruzzo anche sull'autostrada A14 Adriatica dove, intorno alle 14, è stato chiuso il tratto tra Pineto e Pescara Nord in direzione sud per Allagamenti. Entrata consigliata verso Pescara: Pescara Nord. Uscita consigliata provenendo da Ancona: Roseto Degli Abruzzi. Entrata consigliata verso Ancona: Pineto. Uscita consigliata provenendo da Pescara: Pescara Ovest. In conseguenza della chiusura del tratto autostradale, traffico rallentato sulla Ss 16 tra Pineto e Pescara dove la situazione è a tratti critica per allagamenti e fango.

Dopo un paio di ore l'autostrada è stata riaperta.

 

SITUAZIONE ORE 16

C’è preoccupazione per il livello di molti fiumi che sono al limite mentre le piogge continuano a cadere.

Per il Tordino (da Teramo a Giulianova) c’è preoccupazione e la protezione ha emesso l’allerta massima ed invitato i comuni a prendere precauzioni.

 

Anche il Calvano sta per straripare nel territorio di Pineto ed il Comune ha invitato a  portarsi ai piani alti e di staccare la corrente elettrica nei piani terra.

 

Anche a Montesilvano sono in azione sul territorio 11 pompe idrovore che stanno lavorando su via Calabria, viale Abruzzo, via Trentino, via Maremma, via Liguria, via Italica, via Umbria e sul sottopasso viale Europa. In arrivo altre tre pompe idrovore, da L'Aquila e da Mosciano Sant'Angelo. Chiuso il lungomare tra via Marinelli e viale Europa, e i tre sottopassi. Resta il livello di superamento della soglia di allarme del fiume Saline, sotto continuo monitoraggio. Chiuso per oggi e domani il Palasport di via Senna.

A Citta' Sant'Angelo invece le scuole resteranno chiuse anche venerdi'.

Pericoli di crolli anche nella parte antica del cimitero di Ripa Teatina che è stato interdetto con ordinanza del sindaco. 

A CHIETI SCUOLE REGOLARI MA MOLTI PROBLEMI

Il sindaco Di Primio ha deciso che domani 16 novembre le scuole riapriranno regolarmente.

Sul territorio comunale si sono verificati 13 smottamenti di cui tre – Strada Spelorzi, Strada Storta e Strada Mucci - più di intralcio per la viabilità a causa del fango riversatosi sulle carreggiate che verrà rimosso non appena cesserà di piovere.

In mattinata è stata effettuata una ricognizione su tutti gli edifici comunali e in primo luogo sulle scuole dove, nella giornata odierna, è stata sospesa l’attività didattica in via prudenziale.

«Sono state notate infiltrazioni già note in tre scuole», ha aggiunto il primo cittadino, «primaria Villaggio Celdit, primaria Corradi e Asilo Nido di via Arenazze. Non appena il tempo lo permetterà saranno effettuati interventi di ristrutturazione per i quali sono già stati predisposti i relativi progetti».

 

Le criticità maggiori sono state individuate in:

via Solferino: linea della pubblica illuminazione interrotta a causa della caduta di 2 querce abbattutesi sulla sede stradae;

via per Popoli, intersezione con via per Casalincontrada: caduta di un albero;

via Marvin Gelber: crollo di un palo della pubblica illuminazione;

via Baroncini, angolo via de Turre: cedimento asfalto per rottura fognaria;

via Polacchi e via Molino: smottamenti e piccole frane;

via Turchi: chiusura del sottopasso viario;

via Giovanni Paolo II: allagamento di una cabina Enel.

via d’Acquisto, alloggi Ater: allagamento a seguito dei quale sono intervenuti i volontari di Protezione Civile.

 

 

Nella provincia di Pescara i vigili del fuoco hanno effettuato oltre 50  interventi ed oltre un centinaio quelli in attesa di essere eseguiti, dovuti alle intense precipitazioni che dal pomeriggio di ieri stanno interessando il territorio provinciale.

Per far fronte alle criticità generate dalle avverse condizioni meteo è stato necessario rafforzare l’organico del personale operativo trattenendo in servizio il personale smontante.

Scantinati allagati e auto in panne la tipologia degli interventi più diffusi oltre alle verifiche tecniche di edifici pubblici.

Alle ore 17 erano impegnati circa 40 unità Vigili del Fuoco della Sede Centrale, del Distaccamento di Alanno, nonché dei Distaccamenti Volontari di Montesilvano e Popoli.




(in aggiornamento continuo. Per segnalazioni WhatsApp 328 3290550)