RIFIUTI

Cupello, progetto per la quarta vasca per la discarica Civeta

Forum H2O: «progetto insufficiente e carente»

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

145

 

CUPELLO. La Cupello Ambiente Srl ha depositato alla Regione Abruzzo, Servizio Valutazione di Impatto Ambientale, il progetto per la realizzazione di una nuova discarica per rifiuti non pericolosi a Valle Cena di Cupello (CH) con una capienza di 455.000 mc.

 

Ormai pare che il destino di quell'area lungo il Torrente Cena sia segnato, visto che la terza vasca, sempre da 450.000 mc, è stata inaugurata solo un anno fa e già si pensa alla quarta che avrà durata di sette anni a partire dal suo completamento.

«Ma le norme sui rifiuti non prevedono che il ricorso alle discariche sia residuale?», si domanda il Forum H2o, «Perchè continuare a scommettere su questa forma di gestione dei rifiuti obsoleta, secondo la Direttiva Rifiuti 98/2008 dell'Unione Europea, vincolando il futuro?»

 

Sempre secondo il Forum questo progetto presenterebbe diverse criticità per ammissione degli stessi progettisti. Infatti negli elaborati progettuali si legge che l'invaso dovrebbe essere scavato «all’interno di una zona destinata dal PRE del Comune di Cupello (CH), classificata come area vincolata ai fini dell’assorbimento dell’impatto ambientale della discarica”, una sorta di “zona cuscinetto” necessaria alla discarica stessa».

 

Si intende quindi incidere proprio su una delle poche mitigazioni esistenti all'impianto attuale cancellando con una nuova discarica proprio la zona cuscinetto.

 

«Sarà necessaria anche una Valutazione Ambientale Strategica per la variante al Piano Regolatore e stigmatizziamo che per l'ennesima volta», aggiungono gli ambientalisti, «si pensa prima al progetto e poi al piano e non viceversa come sarebbe logico e regolare. In altre regioni come la Lombardia si impone prima di verificare se il Piano può essere modificato e solo dopo si valuta il progetto. Ulteriori criticità riguardano il fatto che l'area prescelta è: sotto vincolo idrogeologico; in area a pericolosità P1 per le frane; in area di tutela secondaria dei corsi d'acqua dal punto di vista paesaggistico, ad una distanza tra 50 e 150 metri dal Torrente Cena».

 

Altro problema riguarderebbe la qualità dello Studio di Impatto che addirittura per i fiumi riporta i dati dei monitoraggi del 2006, undici anni fa, mentre è noto che sono disponibili i dati Arta del 2015. «Questa superficialità si traduce nell'omissione dei dati terrificanti della qualità ambientale del Torrente Cena che oggi l'ARTA classifica nella categoria peggiore, la "pessima".  Lo studio a nostro avviso», conclude il Forum, «è carente non solo sotto l'aspetto delle acque ma anche per quanto riguarda i monitoraggi ambientali degli ultimi dieci anni sul funzionamento delle discariche già attive. Dove sono gli studi prescritti in quei progetti, di cui uno, quello per la seconda vasca, ha avuto la V.I.A. "in sanatoria" e "a posteriori" ad intervento ormai realizzato? Dove sono le verifiche di ottemperanza alle prescrizioni impartite? Di tutto ciò non vi è traccia sul sito della Regione come prevede la legge.  Insomma, sarebbe bene avere tutti gli elementi su cosa è avvenuto finora in termini di impatto ambientale prima di aggiungere un ulteriore elemento di pressione e, in generale, puntare su riciclo e riutilizzo dei materiali e non su nuove discariche».