L'ESPERIMENTO

Sotto il Gran Sasso radiazioni pari ad un ¼ di quelle sprigionate a Fukushima

Sox è parte dell’esperimento Borexino “noto” almeno dal 2007 ma...

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

16562

 

 

PESCARA. Lo sapevano tutti, non lo sapeva nessuno. “Tutti” gli scienziati ne parlano da oltre 10 anni, sui giornali si scrive da altrettanto tempo, eppure “nessuno” del volgo sapeva con precisione di cosa si trattasse.

 E’ la storia dell’esperimento Sox (parte di quello denominato Borexino, finanziato con milioni di euro dall’Europa  e dal Governo)  che è stato nascosto agli abruzzesi mostrandolo al mondo e omettendo alcuni particolari che oggi non appaiono più così “trascurabili”.

Il primo particolare celato è che i Laboratori del Gran Sasso (vanto nel mondo e ritrovo delle eccellenze scientifiche) non sono sicuri, non sono adeguati alle norme, le camere dove si stoccano e maneggiano sostanze pericolose non sono isolate dall’acquedotto che abbevera 700mila persone ed infatti dal 2002 vi sono state contaminazioni (poche quelle  note).

Il secondo particolare è che gestire sostanze radioattive in queste condizioni equivale ad un azzardo bello e buono il cui costo potrebbe andare ben al di là delle centinaia di milioni pubblici già spesi.

Forse per questo nessuno ha avuto interesse a spiegare che sotto il Gran Sasso arriveranno fonti radioattive degne di una centrale nucleare e nella fattispecie pari ad un quarto della radioattività sprigionatasi a Fukushima.

In compenso dall’esperimento ne deriveranno sonni più tranquilli per tutti gli scienziati che da decenni si interrogano su Borexino, elettroni ed i misteri della micromateria potendo avere risposte in ogni caso certe.  

Di fatto nei laboratori di fisica nucleare del Gran Sasso è in corso dal 2013 la predisposizione l'esperimento Sox che dovrebbe terminare nell’estate 2018 e utilizzerà una potente sorgente radioattiva di Cerio 144 proveniente da combustibile radioattivo di un reattore nucleare russo.

La descrizione delle attività è riportata sul sito del programma Cordis dell'Unione Europea e da pubblicazioni dei ricercatori coinvolti.

L'esperimento Sox è frutto di una collaborazione internazionale tra enti di ricerca e università.

Si tratta di una ricerca sui neutrini che impiegherà per oltre un anno all'interno dei Laboratori al di sotto dell'impianto Borexino, altro esperimento già in corso da anni; questa sorgente radioattiva da 100/150 mila curie sarà incapsulata nel più grande contenitore di tungsteno mai prodotto, in Cina, da 19 cm di spessore, per schermare le radiazioni gamma.

 

RADIAZIONI PARI A ¼ DI FUKUSHIMA

L'attività radioattiva della sorgente è pari a circa un quarto del Cesio 137 radioattivo emesso nell'oceano da Fukushima, come riporta il rapporto tecnico della Iaea sull'incidente.

Il trasporto della sorgente prodotta a partire dal combustibile, avverrà dal sito nucleare di Mayak, tristemente nota per essere la città dove nel 1957 avvenne un grave incidente, attraverso la Francia in un contenitore fornito dalla Areva, colosso transalpino del nucleare.

Il percorso della sorgente radioattiva di Cesio 144 prevede il trasporto via treno da Mayak a San Pietroburgo e da qui via nave fino a Le Havre in Francia.

Qui un trasporto su gomma condurrà il contenitore da venti tonnellate, in cui è inserito a sua volta il cilindro, di tungsteno al Gran Sasso.

Il carico del primo materiale di prova è giunto oggi intorno alle ore 12 in leggero anticipo sulla tabella di marcia nei laboratori, forse per paura di una protesta ambientalista che non c’è stata, nonostante da due giorni ormai si parla improvvisamente di questo esperimento senza alcun contributo ufficiale dei Laboratori e delle istituzioni pubbliche.

In alcune dichiarazioni il direttore Stefano Ragazzi ha smentito l’arrivo di materiale radioattivo mentre invece qualcosa di radioattivo è arrivato e sarà utilizzato in una prova o simulazione.



L'ALLARME DEL FORUM H2O

«I Laboratori, classificati già ora come Impianto a Rischio di Incidente Rilevante, sono stati oggetto nel passato, anche recente, di fuoriuscite di sostanze non radioattive ma tossiche come il trimetilbenzene», ha dichiarato Augusto De Sanctis, del Forum H2O.

«La prova del trasporto di cui si ha notizia in questi giorni - ha proseguito De Sanctis - stante ai documenti della prefettura di L'Aquila, comunque pare aver comportato il trasporto di materiale irraggiato, immaginiamo che il contenitore per il trasporto futuro della vera sorgente radioattiva. L'acqua del Gran Sasso è non solo utilizzata per bere da centinaia di migliaia di persone in quattro province ma alimenta torrenti e fiumi che sono un patrimonio tutelato dal parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga e da siti di interesse comunitario. Già nel 2002 con lo sversamento di trimetilbenzene proprio da Borexino e più recentemente nell'agosto 2016 con il Diclorometano, si è avuta dimostrazione della possibilità di queste sostanze di raggiungere addirittura l'acquedotto. A nulla sono serviti gli 84 milioni spesi per la messa in sicurezza dal Commissario Delegato Balducci a metà degli anni 2000».


 

I LAVORI NEL LABORATORIO

Il contenitore di tungsteno da record che conterrà la sorgente radioattiva sarà trasportato alla base del gigantesco contenitore che è il fulcro dell’esperimento Borexino.

Lo spostamento della delicatissima sostanza avverrà su binari all’interno di un tunnel costruito per finire sotto l’impianto esistente di un metro per un metro e di 10 metri di lunghezza.

I lavori sono stati eseguiti nei mesi scorsi ma anche su questo aspetto è calato il riserbo.



L’ESPERIMENTO

Borexino offre un’opportunità unica per eseguire uno studio sulle oscillazioni di neutrini a breve distanza. Questa è l’idea alla base di SOX (Short distance neutrino Oscillations with boreXino).
L’esperimento SOX aspira alla completa conferma o a chiara smentita delle cosiddette “anomalie di neutrini”, prove circostanziali della sparizione di neutrini elettronici che sono state osservate a LSND, MiniBOone, con i reattori nucleari e con i rivelatori di neutrini solari al Gallio.
Se SOX avrà successo, dimostrerà inequivocabilmente l’esistenza della componente sterile dei neutrini e aprirà una nuova era nel campo della fisica delle particelle fondamentali e della cosmologia. L’osservazione di un segnale fisico significherebbe, infatti, la scoperta della prima particella oltre il modello standard elettrodebole.
In caso di risultato negativo, SOX avrà comunque il pregio di poter chiudere il lungo dibattito circa la veridicità delle anomalie di neutrini, proverà l’esistenza di nuova fisica nelle interazioni di neutrini a bassa energia, misurerà il momento magnetico del neutrino ed infine servirà come ottima calibrazione in energia per Borexino consentendo in futuro misure di neutrini solari ad altissima precisione.
L’esperimento SOX utilizzerà un innovativo generatore di antineutrini composto da 144Ce. Questo generatore sarà dislocato nei pressi del rivelatore Borexino e produrrà decine di migliaia di interazioni di antineutrini nel volume interno del rivelatore Borexino. L'inizio dell’esperimento SOX è previsto per il 2018, la presa dati durerà circa 18 mesi.
L’esperimento Borexino-SOX è gestito da una collaborazione internazionale di circa 140 scienziati provenienti dall’Italia (Sezioni INFN e Università di Milano, Ferrara, Genova, Perugia, Napoli, Laboratori Nazionali del Gran Sasso e GSSI), dalla Francia (CEA Saclay e APC Parigi), dalla Germania (TUM Monaco, MPI-K Heildelberg, TU Dresda, Università di Tuebingen, Amburgo e Mainz), dalla Russia (JINR Dubna, Università Lomosonov Mosca, Kurchatov Institute Mosca e NPI S. Pietroburgo), dalla Polonia (Università Jagellonian), dall’Ucraina (Kiev INR) e dagli Stati Uniti (Università di Princeton, Hawaii, Massachusetts Amherst, Houston, UCLA e Virginia Polytechnic Institute).
 
Responsabili del progetto
Marco Pallavicini (INFN Genova)
Gioacchino Ranucci (INFN Milano)