MORALE ATER

Pescara, case (im)popolari senza ascensore: «anziani in ostaggio»

Degrado, allacci abusivi e pavimento che sprofonda. Pignoli: «Che si dimettessero i responsabili Ater»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

474

PESCARA. Sono 23 le famiglie del palazzo Ater di via Rio Sparto 15 a Pescara che dallo scorso 30 maggio vivono senza ascensore andato distrutto a causa di un incendio. Da quel momento, a subire le conseguenze più gravi sono alcune persone anziane che di fatto sono rimaste prigioniere in casa. Per cercare di risolvere il problema hanno chiesto aiuto al consigliere comunale Massimiliano Pignoli di solito molto attento a questo tipo di problemi.


Tra questi, i casi più gravi sono quelli di Anna, 85enne che vive in un appartamento al sesto piano, e Lidia, 70enne che dimora due piani più sotto, al quarto, attaccata a un macchinario a causa dei suoi problemi respiratori. Entrambe sono uscite di casa negli ultimi quattro mesi solo un paio di volte grazie ai volontari della Croce Rossa che le caricano.


Al secondo piano invece vive da solo Rosario, 91enne che cammina utilizzando delle stampelle il quale racconta come per salire e scendere da casa impiega sempre almeno trenta minuti.


Tutti e tre, insieme agli altri inquilini dell'edificio, chiedono all'Ater di prevedere l'installazione del nuovo ascensore altrimenti minacciano uno sciopero bianco, ovvero quello di non pagare più i canoni di affitto fino a quando non avranno l'ascensore.


Inoltre, tra i problemi che segnalano c'è quello di 3 utenze che sono state attaccate direttamente all'acqua senza contatore, dunque in modo abusivo e di come in un alloggio del primo piano il pavimento stia sprofondando.


«Questa situazione è la dimostrazione del fallimento nella gestione dell'Ater», afferma Pignoli, «questi inquilini sono costretti dentro a quattro mura e a queste persone viene negata la cosa più bella, ovvero la libertà di agire e di interagire con amici e parenti, se non fosse per i volontari della Croce Rossa che ogni la fanno scendere. Questo non è il terzo mondo e non può essere Pescara, che l'Ater si svegliasse altrimenti i dirigenti e il commissario se non sono capaci che si dimettessero».

Intanto poco lontano in via Lago di Borgiano ieri notte i ladri hanno fatto visita in alcuni appartamenti al civico 22, in una delle tre palazzine sgomberate per problemi di stabilità.

«Questa mattina abbiamo effettuato un sopralluogo con gli agenti della Polizia di Stato - spiega l'ingegner Carmine Morelli, responsabile dell'Ufficio Manutenzione dell'Ater - verificando che le porte di ingresso di alcuni appartamenti erano state forzate. Per questo stiamo valutando il da farsi, o una denuncia unica dell'Ater contro ignoti per furto o singole denunce per ogni appartamento forzato. Nel contempo stiamo anche valutando i danni subiti e nuove forme di controllo delle palazzine, che avevano l'ingresso murato, dopo gli sgomberi».