IL CASO

Francavilla mostra con opere Michetti false? Lo studioso: «imbarazzante»   

Dubbi autenticità. L’esperto: «Esposto gruppo lavori improponibile»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1504

FRANCAVILLA AL MARE. E' polemica per la mostra sull'artista Francesco Paolo Michetti dal titolo "Nella gioia del sole, Michetti e il Cenacolo di Francavilla".

Al Museo Michetti di Francavilla al mare sono esposte opere provenienti da collezioni private e pubbliche. Tra queste c'è un gruppo di opere che sta facendo discutere in modo particolare, perché dei collezionisti ed alcuni tra i massimi esperti del pittore hanno espresso dei dubbi sulla loro autenticità. Sulla vicenda interviene anche Fabio Benzi, curatore del Catalogo generale delle opere di Michetti di prossima uscita, il quale chiede di chiudere «pietosamente e velocemente» la mostra.

La polemica si è innescata negli stessi giorni della vicenda di Genova, dove la mostra su Modigliani a Palazzo Ducale è stata chiusa in anticipo per un'indagine della Procura che ha portato al sequestro di presunte opere false.

La mostra di Francavilla, inaugurata il primo giugno scorso, andrà avanti fino a domenica, ma sarebbe intenzione degli organizzatori prorogarla. E' con una lettera, inviata tra l'altro a diversi organi di informazione, che Fabio Benzi - docente dell'Università 'D'Annunzio', da più di 20 anni studioso di Michetti e da circa 10 impegnato nella realizzazione del Catalogo generale coadiuvato da un comitato scientifico composto da tre studiosi - interviene sulla questione, su sollecitazione dei collezionisti che hanno espresso dubbi sull'autenticità del gruppo di opere.

Un gruppo di opere, sottolinea l'esperto, «che conosco da molti anni e che a mio parere non ha nulla a che fare col maestro abruzzese, uno dei maggiori artisti italiani dell'Ottocento. Sono molto perplesso di fronte a un'operazione così sfrontata», osserva.

Sottolineando di essere «preventivamente consultato per qualsiasi operazione su Michetti per evitare errori drammatici», Benzi riferisce che «anche per questa mostra sono stato consultato, per un'opera inedita, mentre sono stato espressamente tenuto all'oscuro di un gruppo di opere improponibili che sono state rovesciate improvvidamente nell'esposizione. Il perché mi è ignoto».

«Decine di persone e di colleghi mi stanno interpellando affinché faccia sentire la mia voce - si legge ancora nella lettera - Alcuni collezionisti seri, resisi conto della situazione, che a dire il vero è eclatante, hanno negato non solo il prolungamento del prestito delle loro opere autentiche, ma anche la stessa pubblicazione in un catalogo, non ancora pubblicato alla fine della mostra, che sarebbe risultato infamante. In vista dell'uscita del Catalogo Generale, nel quale simili opere mai verranno inserite, pensavo di ignorare la questione, ma mi è stato detto insistentemente che 'l'Abruzzo non merita un'onta così vergognosa'. Forse è vero, e allora chiedo a chi quella mostra ha organizzato, di chiuderla pietosamente e velocemente. Per il bene di Michetti», afferma Benzi.

«Il problema dei falsi Michettti - ricorda il docente - emerse prestissimo, quando l'artista era ancora vivo, almeno dalla fine degli anni ottanta dell'Ottocento. La questione si è riproposta, in Abruzzo, pochi anni fa, quando è stato scoperto dalla guardia di finanza un prolifico falsario di Michetti».


La mostra è stata inaugurata il 1 giugno, alle 18.30, realizzata dal Comune in collaborazione con la Galleria Ricci Oddi di Piacenza, curata dalla dottoressa Lucia Arbace, direttore del Polo Museale dell'Abruzzo.

Più di 120 opere di Francesco Paolo Michetti e dei protagonisti del Cenacolo di cui Francavilla fu la casa, con il contributo di tanti collezionisti pubblici e privati.