LA DENUNCIA

Simone Coccia Colaiuta all’Università de L’Aquila, «ma ha solo la terza media»

Nuovo esposto di Alessandro Maiorano contro il fidanzato della senatrice Pezzopane

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

7269

L’AQUILA. Selfie all'università, selfie in aula, selfie col tesserino, selfi in biblioteca. Simone Coccia Colaiuta  lo ha detto in tutti i modi e a tutto il mondo che da qualche mese si è iscritto all'università.

Finzione o realtà?

Uno scherzo per canzonare i suoi “amici su Facebook” o davvero il fidanzato della senatrice Stefania Pezzopane tra i suoi impegni in California ha anche messo l’ambizioso traguardo di una laurea?

La notizia è giunta anche a Firenze dove una sua vecchia conoscenza ha notato qualche incongruenza firmando l'ennesimo esposto.

Alessandro Maiorano,  che ha già collezionato al suo attivo numerose denunce ai danni del fidanzato della senatrice Stefania Pezzopane,  ha chiesto alla Procura dell'Aquila di verificare  se anche l'iscrizione all'università sia regolare o se, invece, non sia frutto di qualche reato.

Già perché in più occasioni lo stesso Colaiuta ha affermato di aver frequentato la scuola solo fino alle medie e, dunque, di essere in possesso di un diploma di scuola media inferiore e non uno di scuola media superiore, come previsto dalla legge per poter poi accedere università.

In una delle immagini postate su  social si vede anche un documento riportante la matricola 248604  che potrebbe comprovare la sua iscrizione all'Università di Scienze Umane dell'Aquila nel corso di laurea di mediazione linguistica.

Nel suo esposto Maiorano ora si domanda come possa essere accaduto che l'università non si sia accorta della mancanza del titolo.

«E se l'iscrizione all'università si fosse concretizzata grazie ad un'autodichiarazione mendace allora sarebbe ancora più grave», scrive il denunciante, «anche in considerazione del fatto che gira voce a L'Aquila che lo stesso ha già subito una condanna per falso in atto pubblico».

Si tratta di accuse che Maiorano  chiede di verificare al più presto fornendo anche alcuni documenti in suo possesso oltre la stampa di alcune pagine Facebook del profilo di Coccia Colaiuta.