BONIFICA PUO' ATTENDERE

Ex fonderia Di Nicola. Per il giudice «non c’è pericolo imminente di contaminazione»

Il tetto in amianto però sarà rimosso a breve

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

162


SAN GIOVANNI TEATINO. Il Giudice unico del tribunale di Chieti, Nicola Valletta, ha dichiarato, lo scorso 10 ottobre 2016, inammissibile il ricorso di un cittadino (condannato anche alle spese di giudizio sostenute dalle parti) residente in una palazzina di via Mazzini adiacente l'ex fonderia Di Nicola.

Per il giudice «non sussistono i profili di urgenza»,  non sono stati smentiti «i riscontri documentali offerti dai convenuti» e quindi non avrebbe senso incaricare un CTU per un accertamento tecnico preventivo «alla verifica dello stato dei luoghi».

 


 

La Asl ha eseguito gli accertamenti, tra l'altro a seguito di segnalazione della coniuge del ricorrente, il 18 marzo 2014. Erano presenti: Comune, proprietario e conduttore della struttura, carabinieri del Noe Pescara e della locale stazione. Il 13 maggio 2014 la Asl ha terminato il sopralluogo ispezionando la copertura servendosi di un automezzo con cestello elevatore messo a disposizione dal Comune. Nel 2015 il Sindaco Luciano Marinucci chiese al'Arta di fare prelievi sulle gronde dell'ex fonderia, mentre nell'aprile 2016 è venuto a conoscenza di una Perizia di Stima e di una Indagine Preliminare Ambientale presso la Sezione fallimentare del Tribunale di Chieti.

Dall'Indagine dell'architetto Franco Valentini (una perizia chiesta dal Tribunale Fallimentare nel 2010  per conoscere i costi di bonifica da inserire nel valore dell'immobile) e dalle analisi della Laserlab di Chieti emerge che «è stato esaminato rifiuto speciale non pericoloso», «il campione esaminato presentava concentrazioni non superiori a quanto stabilito dalla normativa vigente»,  «solo in magnesio era in concentrazioni superiori ma è una caratteristica geologica di alcune zone del suolo di San Giovanni Teatino».

Insomma terreno e falde non avevano subito danni.

 

Il CTU del Tribunale, inoltre, evidenziava che erano presenti vari edifici e tettoie con lastre di cemento-amianto in pessimo stato. La concentrazione ammessa di sostanze potenzialmente pericolose, specificava l'architetto Valentini, è differente a seconda della destinazione: in area industriale/commerciale è superiore che in area verde/residenziale.

A seguito dei rapporti dell'Arta e della segnalazione dalla ASL dello scorso 11 aprile, il Sindaco Marinucci, al fine «di esaminare tutte le problematiche ambientali e individuare i procedimenti da adottare» nella conferenza dei servizi del 22 luglio 2016 ha riunito tutti gli attori interessati. Con l'architetto Assunta Di Tullio (responsabile del settore) è stata concordata una tempistica per la rimozione delle lastre di eternit, che la ASL ha ordinato entro l'aprile 2017.


«Al di là delle vicende umane, che ovviamente dispiacciono, - dichiara il Sindaco Luciano Marinucci - bisogna rendersi conto di due fattori importanti: il primo è che la mia Amministrazione ha fatto, sta facendo e farà tutto il necessario per tutelare la salute dei cittadini di San Giovanni Teatino. Quanto espresso dal Giudice va proprio in questa direzione. Con questa sentenza, infatti, si riconosce non solo la nostra attività, ma si evidenzia che tale ricorso avrebbe portato addirittura altri ritardi, che nessuno di noi vuole, ovviamente. Il secondo fattore si riferisce alla strumentalizzazione politica della vicenda: in questi ultimi tempi sta passando l'idea, pericolosissima, che solo il Movimento 5 Stelle sia depositario del bene comune e cittadino. Ribadisco ad alta voce che non è così, perchè io per primo, come Sindaco e come persona, - conclude Marinucci - mi adopero quotidianamente per la mia comunità, e anche questa sentenza lo dimostra».

Il ricorrente aveva «il fondato timore... per la sua salute e della di lui moglie», di un perdurare di una situazione di stallo che «in realtà non c'è mai stata e che il suo ricorso, se accolto, avrebbe potuto creare», ha concluso il sindaco.