FERROVIE

Treni. Chieti e Nepezzano, inaugurate oggi due nuove fermate

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

428


CHIETI.  E' stata inaugurata questa mattina a Chieti, alla presenza del sindaco, Umberto Di Primio, del Presidente della Giunta Regionale, Luciano D'Alfonso, del Direttore Produzione Ancona di Rete Ferroviaria Italiana, Stefano Morellina, dell'Assessore ai Lavori Pubblici, Raffaele Di Felice, dell'Assessore all'Urbanistica, Mario Colantonio, la nuova fermata ferroviaria di Chieti-Madonna delle Piane con l'arrivo del treno regionale 23681.

L'intervento, che si inserisce nel piu' ampio programma di riqualificazione dell'intera area di Madonna delle Piane, rientra tra quelli previsti per la velocizzazione della linea Chieti-Pescara-Sulmona. Circa 800 mila euro l'investimento da parte di Refe Ferroviaria italiana, 12 mesi di lavori, a Chieti-Madonna delle Piane fermeranno ogni giorno 18 treni: otto la collegano a Pescara, nove a Sulmona ed uno a Teramo.

Ma il network delle stazioni ferroviarie abruzzesi si arricchisce di due nuove fermate: oltre quella di Chieti c’è anche  Nepezzano-Piano d’Accio che dovrebbero migliorare la qualità del servizio e garantire la capillarità dei collegamenti.


Le due nuove stazioni sono poste rispettivamente sulla linea Pescara – Sulmona e sulla Teramo – Giulianova, e sono state presentate stamani dai vertici regionali di Rete Ferroviaria Italiana e Trenitalia al Presidente della Regione Abruzzo e ai Sindaci di Chieti e Teramo.

 

Per Chieti – Madonna delle Piane, l’attivazione commerciale della nuova fermata è stata preceduta dall’apertura del nuovo sottovia ciclo-pedonale di Via Fratelli Pomilio (attivo dal 30 marzo), che ha contribuito a riqualificare e connettere un’importante area urbana della città di Chieti, nella quale si trovano l’Ospedale, la cittadella universitaria e diverse attività commerciali.

L’intervento – circa 800 mila euro di investimento, 12 mesi di lavori -  rientra tra quelli previsti per la velocizzazione della linea Pescara – Sulmona e nel programma di ripristino e potenziamento delle linee ferroviarie interessate dal terremoto del 2009.


«Oggi viene consegnata un'opera che arricchisce il sistema di trasporto pubblico della nostra citta' - ha affermato il sindaco Di Primio - offrendo a quest' area strategica per la presenza sia dell'Ospedale che dell'Universita', l'opportunita' di avere un nuovo punto di accesso. La nuova stazione - ha aggiunto Di Primio - rappresenta il primo elemento di una serie di interventi sulle infrastrutture per la mobilita' che cambieranno totalmente lo sviluppo di Chieti grazie al completamento della linea filoviaria e con la realizzazione della funivia che colleghera' la parte bassa alla parte alta. L'opera si innestera', infatti, con il collegamento veloce tra la parte alta e la parte bassa di Chieti inserito nel Masterplan Abruzzo».


Per quanto riguarda la fermata Nepezzano-Piano d’Accio si trova nel territorio del Comune di Teramo, sulla linea Teramo – Giulianova.

Il progetto dell’intervento – nato da un precedente Protocollo d’Intesa tra MIT, Regione Abruzzo e FS – è stato in seguito sviluppato in sinergia con il comune di Teramo ed armonizzato agli interventi di viabilità urbana. L’investimento di RFI, che ha curato la progettazione delle opere, è stato di circa 300 mila euro.

La nuova fermata, dedicata in primo luogo agli studenti universitari della facoltà di Medicina Veterinaria, è collegata al piazzale esterno dotato di parcheggi – che costituisce l’area di interscambio modale – attraverso scale e rampe per le persone a ridotta mobilità.

A Napezzano-Piano d’Accio fermano ogni giorno 20 treni: nove diretti a Pescara, dieci a Teramo ed uno a Giulianova.

 

Le due nuove fermate sono dotate di marciapiedi alti 55 cm – lo standard previsto a livello europeo per i servizi ferroviari metropolitani - per facilitare l’accesso ai treni, di percorsi tattili per ipovedenti e di rampe per il superamento delle barriere architettoniche.

Sono attrezzate con pensiline per l’attesa dei viaggiatori, panchine, bacheche con quadri orari di arrivi/partenze, cestini portarifiuti ed impianti di diffusione sonora per l’informazione dinamica sull’andamento della circolazione ferroviaria.

 

A disposizione dei clienti anche i più avanzati sistemi touch point per informazioni di viaggio e possibilità di acquisto dei biglietti ferroviari – regionali e nazionali, Frecce comprese – tramite self service di ultima generazione funzionanti con monete, banconote e carte elettroniche.