LA PROTESTA

Edificio non sicuro, consigliere prende a martellate ex Comune

Iniziativa ‘originale’ a Castelguidone

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

165

 CASTELGUIDONE. Per denunciare il rischio crolli dell'ex sede comunale un consigliere comunale di Castelguidone questa mattina ha preso a martellate le mura perimetrali dell'edificio.

    La singolare iniziativa vede per protagonista Raffaele Sigismondi che in maniera clamorosa ha voluto denunciare lo stato di pericolo per la pubblica incolumità della struttura, ubicata nella via principale del paese e sgomberata nei mesi scorsi, sia cadente evidenziando come la Regione, che comunque era stata responsabilità sulla situazione esistente, non abbia trovato fondi per la messa in sicurezza.

   Sigismondi ha colpito ripetutamente il muro con un martello facendo cadere a terra dei calcinacci che dimostrano come l'ex sede comunale sia fatiscente.

«La struttura versa in gravissime condizioni strutturali ed igienico-sanitarie - spiega Sigismondi -  a tal punto che nei mesi scorsi il sindaco, Donato Sabatino, ne ha disposto lo sgombero immediato e il trasferimento degli uffici comunali in un'altra sede».

Prosegue il consigliere comunale: «Non riusciamo a trovare finanziamenti regionali, ma solo promesse e ad oggi questa è la situazione del 2016 in una nazione, paradossalmente, che fa parte del G8. Tempo fa abbiamo partecipato al bando relativo al piano regionale di interventi antisismici su edifici pubblici 'strategici' o 'rilevanti' finendo addirittura all'ottantesimo posto. Prima di noi figurano municipi che stanno decisamente meglio del nostro, misteri delle graduatorie e dei numeri (coefficienti di sicurezza) che nel nostro caso sarebbero più elevati di altri. Evidentemente non basta il crollo per asserire che la struttura non è sicura».


«A BREVE IL SOPRALLUOGO DEI TECNICI»

«Ho parlato oggi stesso con il sindaco di Castelguidone, Donato Sabatino, ed abbiamo concordato che domani mattina egli invierà una richiesta di sopralluogo urgente al Genio civile di Chieti, alla quale daremo seguito immediato». E' quanto afferma il direttore del Dipartimento opere pubbliche della Regione, Emidio Primavera, a proposito della messa in sicurezza dell'ex sede comunale del centro dell'Alto Vastese.

«Se l'esito del sopralluogo soddisferà i criteri individuati dalla legge regionale 17/1974 - prosegue Primavera - verranno adottati i provvedimenti finalizzati alla risoluzione delle criticita' e contestuale messa in sicurezza dell'edificio a garanzia della pubblica incolumità».