LA DENUNCIA

Montesilvano. Villa Falini, un altro edificio in preda ai senzatetto e ai vandali

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

144

 

MONTESILVANO. «Il sindaco della sicurezza non si è accorto che un altro edificio di Montesilvano, fiore all’occhiello della città, è in preda ai senzatetto ed è stato vittima di atti vandalici».

Lo dice Lino Ruggero (Pd) che ha saputo che la polizia municipale ha constatato i danni subiti dal Falini, una struttura destinata prima agli anziani e poi alle famiglie bisognose.

Nei giorni scorsi la villa, situata su corso Umberto, è stata presa di mira da balordi che hanno infranto i vetri delle finestre, divelto la serratura, danneggiato i locali interni, le controsoffittature  e messo fuori uso la centralina elettrica smontata e rubata.

«L’edificio di notte è diventato una dimora per i vagabondi grazie ad un’amministrazione inefficiente e incapace di salvaguardare il patrimonio della città e di mettere al primo posto la sicurezza dei cittadini», ha detto Ruggero, «Maragno in questi quasi due anni di governo si è dimenticato che Montesilvano oltre all’albero della cuccagna possiede delle strutture importantissime per le persone meno abbienti. Anche a Pescara, in via Venezia, ci sono altri locali, di proprietà del Comune di Montesilvano, adibiti a negozi, che nei giorni scorsi sono stati in preda a vandali e piromani. Il sindaco la finisca di giocare a nascondino e soprattutto la finisca di fare proclami. A novembre aveva sbandierato di far diventare Villa Falini una mensa per i poveri e invece oggi è un bivacco per i senza dimora ed è stata completamente deturpata».

«L’incuria ormai vige a Montesilvano», ha aggiunto, «e dopo aver trasformato in un dormitorio non autorizzato Villa Delfico e Stella Maris, in pieno centro città, abbiamo un altro esempio di degrado e di abbandono. Queste sono le promesse di un sindaco che non si degna di guardare i veri problemi che attanagliano Montesilvano ed è quotidianamente in cerca di alibi per le sue ripetute assenze dal Comune».

 DE MARTINIS: «ATTIVATE TUTTE LE PROCEDURE PER INDIVIDUARE FINANZIAMENTI PER LA STRUTTURA»

«L'incursione di vandali all'interno di Villa Falini non è imputabile di certo all'incuria della nostra Amministrazione. Episodi che hanno visto senzatetto occupare abusivamente edifici come Villa Falini si sono, purtroppo, sempre verificati. Non a caso, quando ero consigliere, durante l'Amministrazione guidata da Lino Ruggero, presentai una mozione in Consiglio Comunale, nella quale proponevo di affidare la parte agibile della struttura temporaneamente ad una delle famiglie in graduatoria nelle case popolari, al fine di garantirne la custodia, ma la mia idea venne bocciata proprio dalla maggioranza di Ruggero». Replica così il vicesindaco Ottavio De Martinis, che aggiunge: «La struttura di Villa Falini è sotto la gestione dell'Azienda Sociale, da quando proprio l'Amministrazione di cui faceva parte Ruggero lo stabilì. Con lo scioglimento della fondazione Falini, Ruggero e i suoi colleghi rinunciarono di fatto ad una concreta possibilità di riqualificare e rivalorizzare la struttura, mandando in fumo un progetto. A differenza di quanto voglia far credere il consigliere, oggi l'Azienda Speciale, che ha attivato anche un servizio di vigilanza, diurno e notturno, ha avviato, in collaborazione con la nostra Amministrazione, tutte le procedure affinché possano essere ottenuti gli investimenti necessari per la riqualificazione dell'edificio».