DEMOCRAZIA VIZIATA

«Nuova legge elettorale a pochi mesi dal voto per premiare maggioranza come in Bulgaria»

Il "Rosatellum" diventa legge, Grasso lascia gruppo Pd

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

440

 

 

 

 

ROMA. «Non si è mai visto in nessun paese del mondo cambiare le regole del gioco a pochi mesi dalle elezioni. Esiste una sentenza della Corte Europea che ha bocciato una legge elettorale approvata in bulgaria a poco prima delle elezioni per premiare chi era al governo in quel momento. E’ una cosa che non si può fare. E’ una cosa senza precedenti. Quello che sta succedendo è una cosa enorme».

Non lascia spazi a fraintendimenti Marco Travaglio ieri sera a La7 e accusa a mani basse chi si è prestato a questo gioco per «sopprimere la democrazia» non risparmiando critiche a Pietro Grasso e a Mattarella.

  

E proprio Grasso ha ingoiato tutto in silenzio per anni facendo buon viso a cattivo gioco perché il compito che gli è stato affidato è quello di rappresentare e difendere l' istituzione Senato. E spesso, come ha ricordato lui stesso in Aula rispondendo al M5S, "è più difficile restare che andare via".

Ma ora la misura è colma e il presidente di Palazzo Madama, nel giorno in cui passa al Senato in via definitiva il "Rosatellum" e Denis Verdini entra ufficialmente nella maggioranza, prende le distanze da un partito con il quale non si trova più in sintonia e del quale non condivide più né metodi usati, né contenuti, e lascia il gruppo del Pd.

A norma di regolamento sarà iscritto al gruppo Misto, quello presieduto da Loredana De Petris che immediatamente gli dà "il benvenuto".

Con il suo gesto, Grasso crea un precedente clamoroso, come osserva anche Alessandro Di Battista (M5S), perché nella storia repubblicana non si era mai visto un presidente del Senato lasciare il gruppo di appartenenza a fine legislatura. Unica eccezione: Cesare Merzagora che pur essendo stato eletto con la Dc si era iscritto volutamente, ma sin dall'inizio, al Misto. Grasso ha un temperamento mite, non è uomo uso a sfuriate, scatti d'ira o colpi di testa. Quindi se è arrivato a una simile decisione è perché la situazione è diventata complicata.

 

Anche una folta delegazione di abruzzesi è scesa in piazza a Roma al seguito del M5s che in questi ultimi giorni ha protestato insieme ai parlamentari e consiglieri pentastellati.

 

"Quando mi sono candidato nel Pd - motiva il suo gesto la seconda carica dello Stato - mi riconoscevo in principi, valori e metodi che poi si sono andati perdendo nel corso degli anni". Pertanto meglio prendere le distanze da un partito e da un segretario che anche con forzature come quella delle 8 fiducie sulla legge elettorale contribuisce a comprimere il ruolo del Parlamento. La decisione di "Grasso è inaspettata e non prevedibile" commenta il presidente dei senatori Dem Luigi Zanda, mentre Maurizio Martina parla di "una scelta che amareggia".

"Mi meraviglio che non lo avesse già fatto" è l'osservazione al vetriolo di Roberto Giachetti. In realtà è "una scelta tardiva" ribatte Vito Crimi (M5S) perché "se si fosse dimesso ieri, come gli avevamo chiesto, il suo nome non comparirebbe ora tra i responsabili del "Rosatellum". Ed è proprio rispondendo a Crimi in Aula che Grasso, già ieri, aveva fatto trapelare un certo disagio. In risposta alla richiesta di dimissioni aveva infatti reagito affermando che "può essere più duro resistere che abbandonare con una fuga vigliacca". E aveva rivendicato il "no" alla candidatura in Sicilia per il suo senso delle istituzioni. "Ora faccio il presidente del Senato - aveva osservato - e porto avanti il mio compito. Si può esprimere il malessere ma non è detto che, quando si ha il senso delle istituzioni, si debba obbedire ai propri sentimenti". Oggi però un segno ha voluto lanciarlo. E la scelta di lasciare il gruppo è stata sofferta. Anche se la rottura con il partito e Renzi sembra venire da lontano, dai tempi della riforma.

Da quando si forzarono anche in quel caso tempi e norme e si ricorse a escamotage come il "canguro" per tagliare gli emendamenti. Poi fu la volta della campagna referendaria dai "toni eccessivi e personalistici" non condivisa anche dal presidente Giorgio Napolitano che pure si era impegnato tanto per la riforma. Ma di screzi tra la seconda carica dello Stato e il Pd ce n'è più di uno. Non ultimo quello del 24 settembre quando Matteo Orfini lo accusò di usare i toni "dell'antipolitica" e di non rispettare il ruolo dei partiti. Un'accusa alla quale Grasso ribatté: "Io rispetto i partiti ma loro rispettino il Parlamento". E ancora: "Mi sono saltati addosso senza che io dicessi niente". Ma il dissapore più recente risale a qualche ora fa quando durante la Conferenza dei Capigruppo convocata per il calendario della manovra, Zanda ha criticato Grasso per il modo in cui ha condotto l'Aula ieri senza che si riuscisse a stoppare la protesta dei 5 stelle. Grasso si è difeso, ha spiegato (come poi riferito dallo stesso Zanda ha detto anche che se lui avesse votato avrebbe detto no a "Rosatellum" e fiducia) e poi ha deciso. Ora sul suo futuro sono in molti a interrogarsi e c'è chi lo vede in corsa con Mdp. A chi riesce a parlarci però dichiara secco: "Per il futuro si vedrà, non è certo oggi la giornata giusta per parlarne".

Intanto da Mdp arriva un commento benevolo: "Rispetto Grasso - dichiara Speranza - c'è bisogno di buoni esempi". Mentre Fratoianni parla di "fatto politico importante".