IN CARROZZA

Tua: bilancio risanato, ridotte le spese, nominato nuovo cda

La festa voluta dalla Regione. D’Alfonso: «oltre c’è solo il paradiso»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2103

 


ABRUZZO.  870 autobus, 17 locomotive merci e 16 convogli passeggeri, 1.587 dipendenti e 28 milioni di persone trasportate nel 2015. Sono i numeri della società Tua, presentati questa mattina, a Pescara, nel corso di una conferenza stampa, dopo l'approvazione del bilancio di esercizio 2015.

Numeri che hanno posizionato la società di trasporto abruzzese 10ª in Italia per il fatturato registrato (140,1 milioni di euro) e 7ª per i chilometri percorsi (37,9 milioni).

Se da una parte la Regione ha esaltato in un crescendo autocelebrativo l’azione di risanamento dei conti calati nel bilancio appena approvato, dall’altra, poco distante c’erano i lavoratori dell’Ugl in sciopero  


«Credo che Luciano D'Amico e i suoi collaboratori abbiano fatto un miracolo in questo lavoro di rieducazione organizzativa e di performance di Tua. Hanno fatto nascere Tua in due anni, hanno riordinato i conti per quanto riguarda l'acquisto di beni e servizi, hanno confermato la qualità della performance, hanno organizzato una nuova stagione di investimenti. Oltre questo c'è il paradiso», ha detto il governatore dell'Abruzzo, Luciano D'Alfonso, nel corso della presentazione del rapporto annuale di Tua, a Pescara.

«Quello che abbiamo razionalizzato è l'istituto dell'autobus vuoto che arrivava in ogni dove più come prova della potenza della politica precedente che come servizio effettivo ed effettuale. D'Amico - ha aggiunto il presidente di Regione - è stato capace di riordinare le voci di acquisto dei beni e dei servizi; pensate alla copertura assicurativa e alle manutenzioni. Tutto questo si chiama buon governo. Noi lo sapevamo che lui era capace, oggi - ha concluso - ci ha dato una prova e una dimostrazione».


«Il risultato industriale chiude con un recupero, in un anno e mezzo, di nove milioni di reddito operativo: siamo partiti da -2,5 milioni del 2013 e siamo arrivati a +6,7 milioni del 2015. Considerando che questo è avvenuto aumentando i chilometri offerti ai cittadini abruzzesi, in particolare è aumentata di 300mila chilometri l'offerta su ferro, il recupero complessivo supera i 12 milioni di euro», ha detto il presidente della società unica del trasporto abruzzese, la Tua, Luciano D'Amico.


Il documento contabile presenta anche risultati di gestione riferiti alla diminuzione dei costi per il 2014-2015: quelli relativi alla manutenzione con un recupero di 2 milioni di euro grazie a tante operazioni di riparazione degli autobus che sono state eseguite all’interno delle strutture di TUA. Di pari importo anche i risparmi per la voce Assicurazioni per le quali il recupero è del 50% rispetto alle gestioni passate.

Seguono i costi per pneumatici con una voce di spesa abbattuta del 60%, e quelli per gli organi sociali, Consiglio di amministrazione e collegio sindacale, che presentano un risparmio di 560 mila euro.

D’Amico ha ricordato che nel panorama italiano del TPL Tua rappresenta la decima azienda per fatturato e la settima per numero di chilometri percorsi pari a 37 milioni annui che servono una comunità di 28 milioni di passeggeri.


IL NUOVO CDA

L’assemblea degli azionisti di Tua riunitasi questa mattina a Pescara presso la sede di via Luigi Orione, presenti il Presidente della Giunta regionale Luciano D’Alfonso e il consigliere con delega ai trasporti Camillo D’Alessandro, ha eletto il nuovo consiglio di amministrazione della società regionale di TPL d’Abruzzo: confermati Luciano D’Amico alla carica di Presidente, Gianni Di Vito e Guido Dezio come consiglieri d’amministrazione: la consigliera uscente Evelina D’Avolio, eletta lo scorso anno, dopo aver ringraziato il Governo regionale per la fiducia concessale ha dichiarato la sua indisponibilità a proseguire nell’incarico per impegni di lavoro in Regione.

Nuovo ingresso nel Cda di Tua dell’ingegner Natascia Passerini, esperta di infrastrutture dipendente Anas.

Non è stato riconfermato nella sua carica di componente del Cda di Tua Rodolfo De Laurentiis.

Rinnovato anche il collegio sindacale che sarà presieduto dal professor Giuseppe Paolone, già Preside della facoltà di Scienze manageriali dell’Università d’Annunzio Pescara Chieti, nuovi sindaci revisori Giuseppe Cetrullo e Raffaella Di Felice.

Invariati i compensi per amministratori e sindaci.

Il Presidente D’Amico non percepirà alcuna indennità.

La nomina di D’Amico è annuale, mentre quella della restante parte degli organi amministrativi è triennale.


Parlando delle risorse recuperate, D'Amico ha detto che «è stata un'opera resa possibile dalla fusione, che ci ha consentito di fare acquisti centralizzati e ottenere migliori condizioni, dalla razionalizzazione delle sedi e dalla razionalizzazione del programma di esercizio. Credo - ha aggiunto - che nel corso del 2016, con l'entrata a regime del nuovo contratto di secondo livello per i dipendenti e del nuovo trattamento stipendiale per i dirigenti questo recupero crescerà ancora».


Nel corso dell'iniziativa sono stati consegnati anche 36 nuovi pullman a gasolio 'Euro 6', che entreranno in servizio nei prossimi giorni per sostituire i mezzi più vecchi. Mentre la società dispone già di veicoli a metano - il 60% della flotta pescarese, ad esempio, è alimentato a metano - si continuerà ad usare quelli a gasolio finché non ci sarà una rete idonea di distributori di metano.


M5S: «SOLO AUTOCELEBRAZIONE»


«Mentre il cerchio magico della politica abruzzese brinda e si fotografa su alcuni mezzo messi a lucido per l’occasione, fuori ci sono dei dipendenti che protestano e che sono sbalorditi da tanto spreco, conoscendo bene  tutte le carenze che la TUA ha proprio per mancanza di fondi. Insieme ai dipendenti per sostenerli in questa legittima richiesta di sicurezza ed efficienza per l’azienda c’è il consigliere regionale del M5S  Domenico Pettinari.


«Negli scorsi mesi», incalza ancora Pettinari «senza passerelle abbiamo più volte effettuato visite ispettive all’azienda Tua. Visite che ci sono state richieste dai dipendenti e attraverso le quali abbiamo riscontrato numerose criticità che abbiamo prontamente  riportato all’interno del consiglio regionale con atti concreti richiedendo a chi sta governando questa regione di deliberare. Ma invece di risolvere  questi punti: come la sicurezza dei mezzi, la lotta all’evasione aggiustando le macchinette per l’acquisto biglietti, i monitor luminosi per avvisare i cittadini dell’arrivo dei mezzi rendendo meno estenuanti le attese, la sicurezza igienico sanitaria nei bagni delle aziende di Pescara e Penne, oggi si è optato per una passerella in grande stile con telecamere a vista».

Secondo l'azienda su 1400 addetti presenti sul posto di lavoro nella giornata 105 hanno incrociato le braccia aderendo allo sciopero regionale di 24 ore dichiarato dall’UGL Abruzzo.
Percentuale pari al 10,4%.