L'ALTRA SPONDA

Pescara- Croazia, si lavora per far tornare il traghetto di Jadrolinija

Vertice ieri tra D’Alfonso e ad della compagnia di navigazione

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

315

PESCARA. La Regione si farà carico di reperire le risorse necessarie a ripristinare un adeguato pescaggio dei fondali del porto di Pescara, così da consentire - nel più breve tempo possibile - la riapertura di un collegamento marittimo con la Croazia, attraverso il vettore Jadrolinija.

Lo ha assicurato ieri il presidente Luciano D'Alfonso, nel corso di un incontro con l'amministratore delegato della compagnia di navigazione Alan Kjanac, a Pescara proprio per effettuare un sopralluogo all'interno dello scalo.

Alla riunione hanno partecipato anche il sindaco di Pescara Marco Alessandrini, il presidente della Provincia Antonio Di Marco, il Prefetto Francesco Provolo e il comandante della Capitaneria di porto Enrico Moretti. Una filiera interistituzionale, che D'Alfonso auspica possa far sì che l'intervento venga eseguito senza ulteriori ritardi.

«Rendere idoneo questo scalo - ha sottolineato il presidente - rappresenta una priorità imprescindibile, nell'ottica del grande progetto della Macroregione Adriatico-Jonica. Ora inizieremo immediatamente una serie di incontri per individuare le procedure amministrative più adatte e celeri per centrare l'obiettivo, grazie anche alla disponibilità che ci ha dato il Prefetto, che può vantare una profonda esperienza su questi temi, maturata nel suo precedente incarico a Rovigo. Per noi è poi importante che questo collegamento venga effettuato da Jadrolinija, che per gli abruzzesi ha rappresentato in passato la prima opportunità di raggiungere la Croazia via mare con la nave Tiziano, il simbolo di quel legame profondo che esiste tra l'Abruzzo e l'altra sponda dell'Adriatico».

D'Alfonso ha spiegato che del progetto informerà il Ministro delle infrastrutture e trasporti Graziano Delrio, il Direttore generale del Ministero dei trasporti per le autorità portuali Enrico Maria Pujia, le Commissarie europee alle Politiche regionali e ai Trasporti, Corina Cretu e Violeta Bulc.

«Affinché - ha puntualizzato - venga dato ulteriore impulso alle politiche di connettività mare-terra-mare, vera nuova sfida dell'Unione Europea. Auspico anche che venga semplificata l'enorme mole normativa che oggi rende drammatico garantire la manutenzione dei porti. Un'indicazione, quest'ultima, già contenuta nella nuova legge quadro nazionale».

L'amministratore delegato della Jadrolinija ha affermato che c'è «tutta la volontà della compagnia di sedersi e trovare linee comuni per procedere», sottolineando l'importanza della «continuità e stabilità» del servizio. L'augurio è che «l'attività possa diventare profittevole nel minor tempo possibile: siamo sicuramente sulla strada giusta».

Nei prossimi giorni dovrebbe essere approvato definitivamente anche il nuovo piano regolatore portuale, che consentirà l'utilizzo dei 15 milioni di euro già disponibili per la manutenzione straordinaria delle infrastrutture dello scalo.